Metrica: interrogazione
310 settenari (recitativo) in Ottone Venezia, Rossetti, 1739 
Vanne Idelberto. Io voglio
                            Ah sire...
Non più. Resisti invano.
               Regina.
                                Intendi
sortì l’evento; ottenni
                     Tra i silenzi
Ah padre ecco al tuo piede (S’inginocchia)
che già con cento schiere
No, no. Sieguo il mio fato.
Deh s’egli è ver che m’ami,
                             E quale?
Mio sire ascolta. (Berengario e Clodomiro si ritirano a parlare in disparte)
                                 E serva, (Ad Adelaide)
Matilde, allor che il vinto
qual fosti e quale or sei,
Troppo fiero è il tuo orgoglio.
Sdegni ascender un soglio,
sparso d’intorno ed atro
se da quella ch’io soglio
All’armi dunque e questa,
quanto in più lustri, oh dio,
                     E che pretendi
vadasi a compier l’opra.
fia paga, anche all’amore
schiava de’ tuoi bei rai,
volgi, deh volgi un guardo
                                  In questo (Scopre un bacile su cui un vaso di veleno)
               Non replicare.
Il tosco dunque... (Mentre vuol prender il veleno giunge Matilde)
                                  Ancora
che un brevissimo istante,
troppo invano al grand’uopo.
Ah perfida, tu godi (Ad Adelaide)
tu che l’onor del sangue
                                Ancora
ch’è tra le mie ritorte...
Voglio appagarti e voglio...
ma se il reo non si emenda,
Ahimè! Lo sposo e il figlio
Oh sposo! Oh figlio! Oh regno!
l’odio ch’hai per mio figlio
T’inganni. Io se ti odiassi
Dunque sian grazie ai numi,
s’egli di gloria è vago,
dal furibondo assalto. (Fa fermar i suoi soldati; segue l’assalto; le macchine battono le mura che doppo qualche resistenza da una parte rovinano e su la breccia comparisce Adelaide innanzi a molti soldati della città)
Berrengario a me guida. (Ad una guardia)
io n’andrò, se il permetti.
Alla regal mia tenda (Alle guardie)
Ormai non v’è più speme,
Ma pria che il nostro sangue
                           Tu sei
ch’una grazia io ti chiegga.
                    Di questi rei

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8