Metrica: interrogazione
487 endecasillabi (recitativo) in Gustavo primo re di Svezia Venezia, Rossetti, 1740 
                              Così mi lasci? Ingrato,
                                      Deh, se tu m’ami
                                         Ma torna, o caro,
l’empio balzato usurpator del regno,
allor sarò de’ sguardi tuoi più degno.
                                                  Sì, Ergilda,
eccola... (Ma che fo? Dorisbe, oh dio!
così pure favella entro al cor mio). (Da sé)
                                     Sentimi... (Oh numi,
                                            Ma non ti chiedo
più di quel che giurasti. A me promessa
or ch’ei si fa vendicator d’un trono?
                                  Sì, quella sei che adoro
                                    Della tua fede
                                           Odimi, Ergilda;
fin che tutto ad amor non cede il loco
l’ira nel petto mio, finché di Marte
non si accheta il furore, arder mal puote
splenderà allor che si ameremo in pace.
                                         Ah che vorrei
                                    Oimè! Che dici?
che gl’avvenne? Che fa? Partito è forse
senza almen congedarsi? Alla battaglia
solo o con pochi andò? Deh non tenermi
                                Donde, Dorisbe,
(Learco traditor! Questo è l’arcano). (Da sé)
spargasi in questo giorno il sangue mio,
                                           S’altro non chiedi,
                                        Invan, germano,
spargi al vento i sospiri e l’ami invano.
                                              Basti per ora...
Sol io, nel di cui sen destino impera,
conosco i pregi tuoi né posso amarti.
potrebbe ancor, di tue ripulse ad onta,
                                           In simil guisa
favelli, Argeno, a chi piacer pretendi?
                Ah troppo intesi.
                                                 E tu potrai
l’onte del tuo rival soffrir in pace?
                                        Tutto hai perduto,
                                 Che mi consigli?
                                                                  Ascolta.
fa’ ch’ei ceda Dorisbe e in premio ad esso,
guarda dove per te giugne il mio affetto,
offrigli la mia destra ed il mio letto.
non è usata virtù. S’ei cade, hai vinto.
Misero!... Ma che fo? Ma che più tardo
il consiglio d’Ergilda a porre in uso?
provi il furor d’un disperato amante.
che d’un empio tiran si scuota il giogo.
                                         A voi la vita
che figlio son di Dalecarlia anch’io.
Che più si tarda? Ecco il pensier costante
la tua destra, il tuo core; e se tu sei
il suo regge, il suo padre, il suo sostegno.
                                               Oh prode,
d’incognito stranier che in te si asconde
                                        Perché Dorisbe
                                         Oh dei, che avvenne?
vidi al piano innondar le selve e i prati
chi cerca il padre e chi nasconde il figlio.
Learco è il duce e per noi pugna il cielo.
                                     Il tempo, amico,
                                       E puoi crudele
partir senza mirarmi? Ov’è l’affetto?
La tua fede dov’è? L’estremo addio
                                             (Che pena!)
                                                                      Ah temo
tradisca il mio dover. Sai quanto io t’amo
pria si servi alla gloria, indi all’affetto.
troverà l’amor tuo che la tua gloria.
Amo Dorisbe anch’io; per te l’ingrata
                                        Tutto potrai.
                                        (Ah che risponde?)
                                             (Oh fede! Oh amore!)
                                      Fermati. Oh numi!
vieni, passa il mio sen, col petto ignudo
                                                    Io non mi sdegno
                                             Oh dei che miro?
                                                       I nostri torti
                       (Che fiero incontro!)
                                                               Audace
mi contrasta Dorisbe. Ardisce il cambio
                                       E ciò fia vero?
                           Non parli?
                                                 E non rispondi?
                                    Come? Tu Ergilda,
                                   Sì all’indegno
                                             Oh dei! Che sento?
                    Mancator.
                                         (Questo è tormento).
Cangia pensiero o di morir ti aspetta. (Parte)
                                      Ergilda oh dio!
                                             Ah che son io
                                   E non giugnesti
                                      Di chi?
                                                      Del fato.
                                     È vero, io fui
il suo volto, il suo cor ma non mi scordo
                                      Chi fu?
                                                      La sorte.
di’ che non mi ami più; questo, spietato,
è il tuo vero destin, questo è il tuo fato.
non avria la mia fé, spergiuro, ingrato
                                           Il ciel dispone
della tua fé? Vuole che il primo affetto
cancelli dal tuo cor? Fa’ almen che sappia
Tu straniera, tu ignota, io grande, io figlia
del maggior de’ vassalli. Or la mia pace
Non contrasto il tuo amor, difendo il mio. (Parte)
delle sventure mie... Ma già d’intorno
del destin di Learco... Ah che quest’alma
non sa voti formar; s’ei cade estinto,
Fate quel che vi aggrada, astri tiranni.
sulle timide labbra. Io stesso, io stesso
                                Ah ciò non basta
per l’afflitto mio cor. Deh, padre amato,
                                       Ma del suo affetto
                                           È vero e temo
di costei le lusinghe, ah se tu m’ami,
padre, lungi da noi scaccia l’ingrata.
                                        Saria empietade
                                               Adunque
                                       No, non è tale.
de’ nostri antichi re l’ultimo germe.
                                            Non mente Ernesto.
                          Clotilde.
                                            E come mai
                                  Sì, tutto finsi
che somerso è nell’onde. Or questa figlia
                                     No; devi cauta
                                       Oh dei! Dorisbe
sciolga i suoi voti e renda grazie al cielo.
patria, un tempo infelice, il suo riposo.
formar applausi alle tue glorie anch’io.
distruttor de’ nemici. Anch’io, Dorisbe,
fui compagno al trionfo e vinsi anch’io.
                                   Sì; ciò che vuoi.
                               Invan lo speri.
                                                            Audace,
più rispetto al mio grado; e il genitore
più pietoso vorrei d’un figlio al core.
modera il troppo ardir. Serba il tributo
(Taccia per or lo sdegno. A miglior tempo
vendicarmi saprò). (Da sé) Deh chi di voi
Non v’è più che temer. L’usurpatore
cadde fra’ primi. Al suo cader le schiere
volsero a noi le spalle. I nostri brandi
sparmiato il sangue a chi versava il pianto.
pria che tramonti il sole. Affar non lieve
teco deggio trattar. Voi me seguite. (Al popolo)
andiamo, amici, a ringraziar nel tempio. (Parte col popolo)
                                    (Ah fosse almeno
                                    (Perfido!)
                                                         (Ingrato!)
(Come tosto mirò d’Ergilda il volto!) (Da sé)
                                           Ecco l’oggetto (Additando Dorisbe)
                                              T’accheta, audace.
                                  Ah in te non veggo
                                          Oh dei! Che dici?
                                         Ma non già sola.
                                          Taci, se m’ami.
rasembra agl’occhi miei vezzosa e bella.
lasciarne una non posso. Ah vuol fortuna
ch’io l’ami entrambe e non ne speri alcuna.
E Learco non viene? Ah non v’è al mondo
m’obliga amore a non tradir la figlia.
                                        Figlio, sediamo (Siedono sui sedili erbosi)
privileggio d’età che porto in fronte
                             Di padre hai meco
                                         Oggi godiamo,
quel che tu gli serbasti or t’offre in dono.
d’un popolo fedel che il trono stesso,
                                       Chi può temerne?
                                     Odi; potrei
                                                      Deh mi concedi
                                         Signor perdona... (S’alza)
Or prevale l’affetto. A un tal diritto
                                         Legge soave
ma non mi è noto a chi la mano ei serbi.
Sai ch’Ergilda è mia figlia e ciò sol basta
sangue illustre in Dorisbe. O questa o quella
Io sceglier? Come mai? Le adoro entrambe,
                                   Ma sai ch’entrambe
                                               Ah per pietade
S’una di queste due mi costa il soglio,
cedo lo scettro e più regnar non voglio.
                                               Altra mercede
                                         Torna in te stesso. (S’alza e Learco sta sedendo)
Febo sen riede, a riposar va’ intanto.
Ti attendo al nuovo dì. Sì, mi lusingo
degl’avi miei sul soglio, oggi, crudele,
deh non venite a tormentarmi il seno. (S’addormenta)
viver non posso... Oh numi! Eccolo; ei dorme.
povero afflitto cor? Coraggio... Ah veggo
Deggio morir? Deggio sperar... Ma oh dio.
Godi... Gente s’avanza. Io qui mi celo. (Si ritira in un viale di sotto)
men orribile oggetto agl’occhi suoi. (Parte)
                       Che ascoltai? (Nell’atto che l’arciere vuole scoccar il dardo, Ergilda e Dorisbe l’arrestano. La prima gli leva l’arco, l’altra lo strale, l’arciere fugge)
                                                 Fermati.
                                                                    Lascia.
                                 Vollea tua morte.
                                                  Perir dovevi,
                                     Osserva il dardo.
                                           Io ti salvai.
(Ahi qual nuovo contrasto alla mia fede!)
vi rassembro incostante. All’una o all’altra
manco s’io scelgo e se non scelgo, oh dio!
                                           Sì che sei quella.
                                          Sì, quella sei.
Venga Ergilda e Dorisbe, indi Learco. (Ad una guardia che parte)
nel fren della ragion. Ch’ei non ardisca
                                  Invan lo speri.
               Sì, son quell’io che non soffrendo
                                      Oh dei! Che sento!
                                D’amor la forza
                                            Un tuo comando
                                               Orsù m’ascolta.
per il ben, per la pace. (Siede al tavolino)
                                           Eccomi, o padre.
Da Learco che vuoi? (Qual vista? Oh dio!) (Da sé)
                        (Che dirà?) (Siedono Ergilda e Dorisbe vicine e Learco presso ad Ernesto)
                                                (Qual punto è questo?)
altro frutto d’amor non han che il pianto.
                          Io non devo.
                                                   Ed io non voglio.
                               (Oh destino!)
                                                          (Oh gelosia!) (Da sé)
quanto all’uopo si chiede, opri la sorte.
scritti ho i nomi distinti. Eccoli; in questa
                        Nol so.
                                       (Spera mio core). (Da sé)
                                        Non fan contrasto
al consiglio d’Ernesto i pensier miei.
(Assistetemi voi, pietosi dei). (Da sé)
le ripulse del cor. Già del mio affetto
arbitro rendo il ciel. Dorisbe, Ergilda,
stendo di già... Ma dov’è l’urna? Oh dio!
Non ho cor, non ho voce. Ah m’ha tradito
viltà forse vi sembra e pure è fede. (Siede)
                                      Deh per pietade
                                          Via, che rissolvi?
Non so... Vorrei... ma il ciel... ma, se la sorte...
                                        Oh dio! La morte.
                                                            Ah ferma. (S’alza trattenendogli il braccio)
non sono in mio poter. Deh, se t’aggrada
un periglio vietar, lascia ch’io vada.
                                          (Oh inique stelle!)
Ite, amici, a Learco. A lui reccate (Alle guardie)
ch’ella è la sua regina. A caso il fato
di qual sangue ella sia. (Partono le guardie)
                                            Padre, sì lieto
                                          Detesta ormai
il tuo senno, il tuo volto, il tuo natale,
deh non mostrarti alle più vili eguale.
                                             Togliti ormai
                                         Oh dio! Sì mesto,
le tue dolci parole, i sguardi, i vezzi?
                                      Tempo è ch’io sveli
                                        Amici, udite.
                                           Ah scelerato!
                                            (Trionfi adesso
l’orgogliosa Dorisbe). (Da sé in disparte)
                                          No, non mente,
può temersi in costui. Dov’è quel foglio
diero in man di Gustavo? Il nunzio afferma
                                       Eccolo; in questo
foglio chiuso è l’arcano; aprilo, Ernesto. (Dà un foglio ad Ernesto che lo apre e legge piano)
(Ecco un nuovo tormento all’alma mia). (In disparte)
Sì sì, questo è Gustavo. Il regio impronto,
                                             Acciò il tiranno
che avessi di mia man l’empio svenato.
                                          Oh quante a un punto
Sappi ch’ella è Clotilde, è tua germana.
                                       Ecco a’ tuoi piedi
                     Sì sì sarai mia sposa.
                                            Tutto non perdo,
                                             Può la mia fede (A Dorisbe)
                                           Segui ad amarmi.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8