Metrica: interrogazione
95 settenari (pezzi chiusi) in La finta semplice Venezia, Fenzo, 1764 
   Finché il fratel non guarda
par farmi poi sposar. (Le porge una borsa)
   A me si dan danari? (Prende con dispetto)
   Che fassi in quel cantone?
                  Per un pochetto.
               Vel rendo subito.
vi voglio contentar. (Le dà l’anello)
   Che mi stia sempre appresso,
non dovria mai finir. (Rosina parte)
l’arriva a imprigionar. (Parte)
   No, che un furbetto è Amore

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8