Metrica: interrogazione
244 ottonari in L'amore artigiano Venezia, Fenzo, 1761 
   Bella cosa gli è il vedere
spuntar l’alba in sul mattino;
fugge l’alba e spunta il sol.
   Sorge l’alba e sto a vedere
vinta è l’alba e vinto è il sol.
   Pria ch’io vada al mio lavoro,
   Sarò in faccia, caro bene.
gelosia non potrò aver. (Parte)
   Se al poter d’ignota stella
La vorrei assottigliar. (Battendo il cuoio sulla pietra)
   Questo ferro è ancora grosso,
da picchiare e da schizzar! (Battendo il ferro sull’incudine)
   Per quest’asse, così toste,
serviriano a conficar. (Battendo sopra d’un chiodo per conficarlo in una tavola)
Per dispetto vo’ picchiar. (Ciascheduno fa il suo lavoro picchiando)
vo’ seguire a lavorar. (Battendo)
   L’amorino graziosino (Seguono tutti a battere come sopra)
Al lavoro vo’ tornar. (Torna a lavorare battendo)
non vedrassi ad attaccar. (Lavorando come sopra)
   Co le smanie e coi tormenti
   Co le smanie e coi tormenti
tuppe tappe gli fa il cor. (Parte)
   Io non so di voi che fare. (A Bernardo)
E tu dei lasciarla stare. (A Bernardo)
Tu l’avrai da far con me. (A Giannino)
   Con tuo padre son venuto. (A Rosina)
Bell’esempio che gli date. (A Bernardo)
                             Non è vero.
T’ha ceduto, così è. (A Rosina)
                         Disgraziato.
                       Scellerato.
Senza legge e senza fé. (In atto di partire)
   Mi vien male. (Si getta sulla banca)
                                Cos’è stato? (S’accosta a lui)
   L’Angiolina ha da sposare.
                         Che cos’è?
Ammazzare lo vogl’io. (Pone mano ad un’arma)
Vieni avanti. (Mette mano anch’esso)
                           Aiuto, gente.
Insolente. (Si vogliono offendere e sono tenuti)
                      Prepotente.
Gente aiuto, in carità. (Vengono camerieri dell’osteria con bastoni a dividerli)
   Via parlate, via pregate, (A Rosina ed Agnolina)
ma per via di queste belle (Accennando i bastoni)
E la pace all’artigiana (Danno a tutti da bere)
   Pace, pace e non più guerra
colla grazia e la beltà. (Parte)
«Quell’è un uom di mezza età». (Parte)
   Sì degli altri ne ho sentiti
vanno i pesci a bastonar. (Parte)
   La mia parte del danaro. (Chiede la borsa)
   Buon pro faccia al cameriere,

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8