Metrica: interrogazione
448 settenari (recitativo) in Il talismano Milano, Bianchi, 1779 
a polli, a capre, a agnelli;
Poiché l'onor mi fate... (Accettandolo)
Amico, perdonate, (A Cardano)
                 Perché le donne
                   Oh ciel! Lindoro... (Guardando fra le scene)
Vengo a voi, Carolina, (Con allegria)
                     Il mio tutore
                 Io sì.
                             Ma come?...
Sandrina... (Levandosi il naso posticcio)
                        Oh ciel! Che fate?
                 Non dubitate.
                  Poco vi costa
Oh cielo! Oh ciel! Mia figlia!...
                            Mi ha narrato
Voglia il ciel che avverato...
una pianta, un lapillo (Non vedendo Perillo)
Che vuoi da' fatti miei? (Sentendosi nominar si volta)
                           De' zingani
                    E Perillo,
                  Non vi è bisogno
La gioia, la sorpresa (Con respirazione affannosa)
                                      Andiamo,
Dieci volte ho chiamato. (Ai servi)
(Eccolo. Pria che io sorta, (Da sé)
Voi? (Con equivoca ammirazione)
            Vi par cosa strana?
                               Può darsi
                 Perduta in mare
Signor venite meco. (A Pancrazio)
               Venite meco.
Perdonate, signore, (A Pancrazio)
Sono a voi. Perdonate. (Ai tre suddetti)
Signor deh permettete (A Cardano)
Figlia mia primogenita. (Abbracciando Carolina)
Ragazza, fra di noi... (Eccetera)
                     Cardano
una pianta, un lapillo (Non vedendo Perillo)
Che vuoi dai fatti miei? (Sentendosi nominare)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8