Metrica: interrogazione
535 endecasillabi (recitativo) in La notte critica Venezia, Fenzo, 1766 
                          Signor.
                                          Venuta è ancora?
             Venuta è ancor?
                                             Zitto in malora.
                                              Amor mi sprona.
per la serva ancor io smanio egualmente.
                                          Marinetta
di darmela ha promesso in questa sera.
                                          Non può tardare.
                                        Torna a cantare.
                       State zitto... Eh ehm.
                                                               Eh ehm.
                                       Sì, son io.
                                          Portò la lettera.
                          Son qui.
                                            Vi è qualcheduno?
attualmente la fa, che in tutto il giorno
farla non ha potuto e che qualora
                                            Oh che impazienza!
non ne ho forse ragion? Star qui a quest'ora
                                              Ebbene andate
al caffè della Luna e là aspettate.
non tardar a venir. Se mai la lettera...
                                       Vengo signore,
                                       Io non mi parto.
la lettera non vien, di' a Marinetta
                          Di stabilir...
                                                  Ma senti.
Sì signor, sì signor, verrò diviato.
Siete qui? Non lo sento; se n'è andato.
Marinetta veder... Ma sento gente.
                       Son qui.
                                         Per dire il vero,
                                              Anch'io vorrei
da vicino parlarvi e stabilire
il tempo e il modo di sposarvi.
                                                         Ed io
                                           (Son giunto a tempo).
                                 Siete geloso?
                                                     (Indegno,
                                   Non ci pensate;
                                     (Vuo' vendicarmi).
                              Sì, vuo' fidarmi.
                                               Ditelo, o cara.
Le mura del giardin, voi lo sapete,
                                          Il so.
                                                      Potete
                                Sì ma discendere
forse non si potrà, perché il giardino
                                             È ver; ma io
ci metterò una scala e voi verrete
questa notte a trovarmi e parleremo
e il giorno delle nozze accorderemo.
                                           Oh la padrona
                                   (Parlan di lettera,
                                       Vado a vedere,
                                 Non partirò.
(Questa volta, briccon, ti burlerò).
                                             (A questa volta
                                             (Vo' ritirarmi).
(Sto a veder ma non voglio allontanarmi).
Mi par d'aver sentito... Chi va là?
Manco mal, manco mal, non vi è nessuno.
Quiete non averai, sin che le figlie
tutti soglion pensar la stessa cosa
e cercano il denar più che la sposa.
lor potrei dar ma non vorrei privarmi;
la grazia, la modestia e la beltà...
Chi va là? Chi va là? Eh cospettone! (Li due spaventati partono)
che ronda alla mia porta. Birbonacci!
Chiavi, stanghe, puntelli e catenacci. (Apre, entra in casa e chiude)
Il padrone è rientrato; presto presto,
                                              Dov'è?
e qualche cosa ancor vi troverete,
caro, per amor mio voi lo godrete.
                                       Da qui a mezz'ora
il padron va a dormire ed io v'aspetto.
(Sì m'approfitterò, te lo prometto). (Parte)
D'aspettar m'annoiai. Spicciati.
                                                           Zitto,
parmi un'ombra veder. (Osservando il terrazzino)
                                              Sarà partito.
                                 Son qui.
                                                   Vi parlo
Sono qui, sono qui, non vi ho sentito.
                                       Presto dunque
                                       Io? Non so nulla.
                 D'un salamin buono e perfetto.
Oh aspettate, aspettate. Ehi padron mio.
                                 Come?
                                                 Più lesto
siete arrivato al cesto. Mi consolo
consolerà le vostre ardenti brame;
ma datemi, signore, il mio salame.
Sei pazzo? Sei briaco? Io non capisco
                                         Ma non avete
                                      E come, e quando?
La cosa in verità si va imbrogliando.
Aspettate un pochin, ritornerò.
(Qual impiccio sia questo io non lo so).
                                           E che dunque
                                 Sarebbe questo
un imbroglio assai grande, se qualcuno
di quel vecchiaccio di Pandolfo.
                                                          Oh cielo!
                                              Ah disgraziati,
vi conosco, ho capito e son a segno.
Padrone audace e servitore indegno.
                 L'abbiamo fatta.
                                                 Andate, andate.
Altro rissentimento ora non faccio
ma vedrete chi sia questo vecchiaccio. (Parte)
                                     Ma io signore...
Tu mi fuggi briccon? Bene, a dimani. (Parte)
Questo ancor ci mancava. Il mio padrone
per cui con tanto amore io m'addoprai
morto mi vuol. Non lo credea giammai.
Ma ha ragion da una parte. Io non capisco
come sia questo imbroglio. Marinetta
dubbio che m'ingannasse?... Oh non lo credo.
Eppure, eppur chi sa? Vi sono al mondo
Marinetta burlarmi? Ed a qual fine?
mi ha invitato stanotte... E non potrebbe
tendermi qualche rete? Oh quest'è troppo,
quest'è troppo pensar malizia e inganno,
voglio andar, vuo' veder, vuo' assicurarmi
a costo ancora di precipitarmi.
                                        Ma quella lettera
                                  Non so. Il padrone
che io parlava a Carlotto e non vorrei
Se mio padre s'accorge, io son perduta.
dee venir nel giardino; ho preparata
Egli ci può levar d'ogni sospetto.
(Come! Qui Marinetta e mia sorella?)
                         Chi è là?
                                            Brave signore.
                                     Cosa c'entrate
                                        Non c'entro?
                                                                  Andate.
Bene, me n'anderò; ma a nostro padre
dirò che siete qui, che Marinetta
sole in giardino a consigliar si stanno
e che v'è del mistero e dell'inganno.
                                     Se non volete
esser vuo' a parte del segreto anch'io.
(Che impertinente). Qual segreto?
                                                                Zitto.
Non ci facciam sentir. Certo, ha ragione
vuol essere informata e giustamente,
per dover, per affetto, ella è curiosa.
(Poco ci costa ad inventar qualcosa). (Piano a Cecilia)
peggior che possa una fanciulla avere.
Io curiosa non son ma vuo' sapere.
Vuol sapere e ha ragion. Sappiate dunque
ma per amor del ciel poi non parlate.
Non lo dirò a nessun, non dubitate.
che la luna che nasce in questa notte
è critica, osservabile, astronomica.
                            Certo. Per esempio
del suo vero destino assicurarsi,
al nascer della luna, s'ella sorge
lucida, rubiconda, è sicurissima
la fanciulla di fare un buon acquisto.
S'ella è pallida o nera, il segno è tristo.
                    Ell'è così.
                                        (Se l'è bevuta). (Piano a Marinetta)
(Bugiarde! Sono anch'io furba ed astuta).
                                   Sì signora.
                                     Certamente,
per saper dalla luna il destin mio.
Bene; quand'è così l'aspetto anch'io.
                                      Fate una cosa
si confondon gli influsi. (A Dorina)
                                             (Intendo l'arte).
Andatela aspettar da un'altra parte.
(Verrà mio padre a terminar il gioco).
                                  Non dubitate,
                                         Ed io la credo
e che sappia far ben la gatta morta.
Sia quel ch'esser si vuole, aspetterò
ch'ella e il vecchio padron sian coricati
nel giardino a aspettar il mio Carlotto.
                                        Senz'altro
                                            Poi di' a Carlotto
che dica al suo patron che bramerei
                                         Sì, e vedremo
                                            (Eccole qui,
                                              Ma se mai
                                              Vostro padre
certo non lo saprà; state sicura.
Certo non lo saprà... (Tra le due donne)
                                       Ahi!
                                                  Che paura.
                                            Ohimè! Ci sono.
                                         Signor.
                                                         Cospetto,
                                     Dirò tutto,
                                         No, non grido
son restato così come un stivale,
pettegola insolente... Ma per dirla
di nominar la dote di sua madre.
visitar il fenile e assicurarmi. (Passa da un’altra parte)
sento il vecchio Pandolfo. È troppo presto.
Aspettare convien che a letto ei sia,
se mi scoprisse mai... Voglio andar via. (Cerca la scala, la trova e monta ed in quel mentre Carlotto sulle mura cerca la scala, la trova e scende, s’incontrano testa e piedi e tremano tutti due)
                                              Nel fenile
tranquillamente a riposarmi in letto.
                                            Eccolo ancora.
Ah son venuto troppo di buonora. (Cerca la scala)
dove mi asconderò? (Si mette dietro alla scala)
                                       Come! Una scala?
troverò della gente e tornerò.
ogni tormento, ogni timore avanza,
o in questa stanza o in questo gabinetto.
non so per qual ragione, è fuor di casa
vuo' tentar di parlargli. Manco male
che le chiavi son doppie e niuno sa
che io le abbia in mio potere... Eccole qua
ma non vorrei sbagliar. So che Fabrizio
è ancor egli serrato. Vo' provarmi
se il cor mi dice il ver, vo' assicurarmi. (Va alla camera e batte)
                          Siete qui?
                                               Son qui.
                                                                 Carlotto.
                   Non m'inganno?
                                                    Adesso no.
Aspettate, aspettate, io v'aprirò. (Apre la porta)
                                         Del padrone
                                       Eh io mi lagno
                                       Di me? Perché?
e invitar nel giardino anche Fabrizio?
                              Come poteva
salir le mura e ritrovar la scala?
non s'incontrano a caso e certamente
questa notte il briccon furbo ed esperto
inteso sulla strada avrà il concerto.
La vostra gelosia mi fa gran torto.
Sopportate, mio ben, che anch'io sopporto.
Sì, v'amo e tanto basta; ma la lettera
                               No.
                                         Certo, sicuro,
                                           Oh disgraziato,
                                           State zitto,
                                           Si potrebbe
                                      Tengo le chiavi
ma se torna il padron... Nell'imbarazzo
lasciamolo il birbante e già che adesso
il padrone non c'è, cogliete il tempo
                              Che io sorta? Infatti
sortirei volentier, poiché per dirla
sono avvezzo a cenare e ci patisco.
Ora è il tempo opportuno, ora potete
                                   Ma s'io men vado,
resta quivi Fabrizio e voi avete
No no; la gelosia mi rende ardito,
resto a dispetto ancor dell'appettito.
                                              No sicuro
io non voglio andar via, se egli non parte
vuo' star qui, vuo' scoprir le di lui trame,
s'anche credessi di morir di fame.
                                       Pazienza, andrò.
Mi sento illanguidir ma soffrirò.
                                     È una gran pena.
Non dubitate, vi darò da cena.
Oh questo è vero amor; questo si chiama
voler bene davver. Principio un poco
(Ah l'amore e la fame è un gran tormento).
                                         Andate andate.
Deh Marinetta mia non vi scordate.
Fin qua gli do ragion; ma ch'ei sospetti
è debolezza tal che ogn'altra eccede.
                             Cosa c'è.
                                               L'ho fatta.
                                   Sotto il balcone
è passato Leandro e mi ha parlato
che gli ho aperta la porta ed or vien su.
                                      Non posso più. (Affannata)
                                         E la decenza?
Verrà qui. Parleremo in tua presenza.
                                     Ah se colei
                                         Non dubitate,
che per lei l'invenzioni ho preparate.
                                    So quel che dico.
                                        Ecco l'amico.
                                          Presto presto
                                      Posso alfine.
                                         Alla presenza
Dite quel che volete e andate via.
Almen per carità... (A Marinetta)
                                     Lascialo dire. (A Marinetta)
Presto perché il padron potria venire.
                                         Via due parole.
                                Volesse il cielo...
                                Dico di sì.
                                Basta così.
V'amate tutti due, siete d'accordo,
quest'è un parlar che intenderebbe un sordo.
                            Si vedrà...
                                                 Vorrei...
                                                                   Vorreste
                             Vediamo...
                                                   Ecco Dorina.
han prodotto per voi buona fortuna.
                                            (Provedete). (Piano a Marinetta)
(Secondatemi pure e non temete). (Piano a Cecilia ed a Leandro)
                                          Mi maraviglio
Nol conoscete ed egli è qui per voi?
                                   Davver? (A Leandro)
                                                     Signora sì. (A Dorina)
                                      Sì veramente
e dovrete a ragione esser la prima
e s'a lei vuol donar la prefferenza,
scusatemi, conviene aver pazienza.
                                     Non so che dire.
                                             A voi non tocca
di parlar, di fiatar. Se quel signore
ha dell'inclinazion per me o per voi
a lui tocca a spiegare i pensier suoi.
la signora Dorina egli ama e spera
e per lei è venuto qui stassera.
Certo per verità... (Voi m'imbrogliate). (Piano a Marinetta)
Sentite? Arde per voi. Per voi meschino
Si può dare, sarà ma non l'ha detto.
                                 È cosa certa.
Ei conosce e distingue chi più merta.
fate veder l'invidia e l'astio vero.
Eh scacciate da voi sì rio pensiero.
ch'io comprender non so. Sarebbe mai
                                   Oh cosa dite?
                                           Vedete bene,
v'era vostra sorella e non conviene.
                                              Certamente
doman glielo dirà. Ma no, aspettate,
e vi levo così fuor d'ogn'intrico.
                                       Vo ad aspettarlo
e subito gli parlo. (Vo di botto
la cena a preparar pel mio Carlotto). (Parte)
Se fosse vero, oh la sarebbe bella,
che non ha invidia e che di me non teme;
so che finge al di fuori e dentro freme.
Nulla fare si può senza il denaro
e poi dicon di me che sono avaro.
arrestare non vuol quei due bricconi,
col pretesto di sbaglio o d'impostura,
se io non pago le chiavi e la cattura.
che colpevoli son, vuo' fare io stesso,
prima di denunziarli, il lor processo.
Per timor parleranno. Tu Pasquino,
fingiti il mio notaro; e voi sapete (Agli uomini)
Apri tu quella porta e di' a colui
ch'esca fuori di là, ch'è dimandato. (Pasquino va ad aprire)
Principiamo da questo... Eccolo qui.
non ho fatto alcun male e destramente
diffendermi saprò passabilmente).
                                  Notar, scrivete.
                                              In verità
                                      Per qual ragione
Perché senza voler mi ci han menato.
                                                Dirò signore...
Dirò la verità (confusa un poco).
aprite e conducetemi quell'altro.
era stanotte sotto il terrazzino.
aspetto i macheroni e i pasticcetti.
E trovo invece questi bei soggetti).
                                    Son qui da lei.
figlio del quondam Battista Dal Sole,
                    Scriva pur, non ho paura.
                           Semplice e pura.
                                             Le dirò...
                                            Fabrizio dunque
Mi ha pregato non sol m'ancor forzato.
                             Sinceramente.
                                              Signorsì.
                                       Eccolo qui.
Come Carlotto è qui? Son preso al visco).
                                         (Non mi smarisco).
della colpa comun chi è la cagione?
                   Temerario! Hai tanto ardire? (Tira fuori una lettera)
Io ti farò smentire. Questa lettera
tutto discoprirà. Per una figlia
e ha mandato di notte il servitore.
questa lettera alfine ha detto il vero.
                                         Ora non voglio
ascoltare di più. Va' in quella camera. (A Carlotto)
                                          Sì disgraziato
ci anderai da tua posta o strascinato.
                                        No, non ci vado. (Si difende e rinculando verso la camera onde uscì Fabrizio gli uomini lo chiudono in quella)
è lo stesso per me, purch'ei ci sia.
Signor giudice, dunque anderò via.
No no, signor, restate, ancor non sono
abbastanza chiarito. Questa lettera
era in vostro poter. Voi ne dovete
Io l'ho fatto signor senza malizia.
                                   Signor vi prego...
Fatelo dunque entrar. (Agli uomini)
                                           Non c'è bisogno
di tanti complimenti. Andrò da me.
(Oh maledetto amor, soffro per te). (Entra nel gabinetto e chiudono)
vi darò, vi darò qualche denaro. (Essi partono malcontenti)
scritta da una mia figlia? Delle due
Non la veggo firmata e non distinguo
il carattere lor, che a tutte due,
ho servito io stesso di maestro.
lor non avessi a scrivere insegnato
ma l'ho fatto per bene. Ho degli affari.
e risparmio con esse un scritturale.
se la figlia s'abusa... Ma di loro
chi sarà l'insolente? Oh senza dubbio
Cecilia la maggior. Mi ha detto in faccia
che si vuol maritar. L'altra è buonaccia.
qualche cosa di buono. Poverino,
Non ritrovo la porta, eccola qua. (Apre la porta in cui sta Fabrizio)
                  Eh ehm. (Di dentro)
                                    Son io, son io Carlotto,
                                         (Oh questa è buona). (Da sé sulla porta)
e qualche altra cosetta. I macheroni
lascio aperta la porta e tornerò. (Fabrizio entra e si chiude entro)
e la porta ha serato! Sì ha ragione,
teme d'esser sentito dal padrone. (Passa in atto di partire dinanzi l’altra porta e sente picchio di dentro)
quel bricon di Fabrizio). Disgraziato
meriteresti d'essere impiccato. (Batte alla porta suddetta)
                                  Stelle che sento?
                                     Per mio malanno.
                                  Quest'è la cena,
Tu mi vorresti vedere impiccato.
                                     È ver; qui dentro
mi han messo e mi han cacciato a precipizio.
                                     Sarà Fabrizio.
e quel birbante se l'avrà mangiata.
            Fabrizio?
                                Fabrizio? Ora capisco,
egli è il tuo favorito. Io son burlato.
                                           L'errore è il mio
                                 Mi fai morire
a parlarmi così. Ragion non vedo
finger si possa ed ingannar. Convienne
dir ch'è fida davvero e mi vuol bene
mangia la cenna mia. Corpo di Bacco!
Se il potessi burlar! Voglio provarmi,
ho trovato la porta. Eh ehm eh ehm.
                                     (Briccone). Aprite.
Carina, dove siete? (Carlotto va per di dietro a Fabrizio, entra e chiude la porta) Non vi trovo,
Marinetta dov'è? Che sia partita?
Pazienza! Se non bevo mangierò. (Cerca la porta)
qualcun me l'ha ficcata. Sento gente,
nasconder mi vorrei; ma non ci vedo. (Cercando trova la porta donde esce Carlotto, entra e serra)
Ecco una porta; dove sia non so,
per celarmi a chi vien m'asconderò.
ch'è la schiuma de' furbi e de' birbanti,
non gli rubberà certo i maccheroni.
                                           Eh ehm. (Aprendo un poco la porta)
                                                             Tenete,
Non mi direte più che sono ingrata. (Parte)
Sopra l'ingannator cade l'inganno. (Entra e chiude)
Quel che più mi spaventa è la giustizia.
che contro il mio denar sia la cattura.
Non ho alcun protettor; so che Cecilia
conosce qualcheduno e in questo caso
che far potesse per gli affari miei
saper da lei quel che dall'altra forse
                                    (Mio padre è qui). (Timorosa)
Dorina. (Chiamandola dolcemente)
                  (Oimè). Signor.
                                                 Via non temete,
ma da voi vuo' saper la verità.
                                        Dite figliuola,
                                          Sì signore.
                                             Signorsì.
                                     No, figlia mia,
in collera non son. Ma che intenzione
                      Di sposar.
                                           Se lo sapete,
                 Signorsì.
                                    Qual è il suo grado?
                                           Nobile.
                                                           (Affé
mi potrebbe giovar). Credete voi
che se manda Cecilia a domandarlo
                                Perché Cecilia?
Se il volete veder, manderò io.
                                             No di me. (Vergognandosi)
                Sì, mio signore. (Con una riverenza modesta)
                                               Oh questa è bella!
Egli mi preferisce a mia sorella.
                                           Non signore,
per me sola Leandro arde d'amore.
S'è ricco, signorsì, l'accorderò
semplice par Dorina ed è più scaltra.
                                             E se lo sono
(Nulla posso sperare da costei).
Cosa vorreste dir? Presto parlate.
                                         Finalmente
e un po' di protezion potrà salvarmi.
                                            Lo conosco.
                                              Da chi?
                                                               Dorina
                                 Dorina? E come
                                             Non è di lei
Non signor, non signor, siete ingannato.
                               Di me.
                                              Questa è graziosa.
Leandro mi ama e mi dimanda in sposa.
Dorina ha pur le pretensioni sue,
temo che non vi burli tutte due.
Per me ne son sicura e un testimonio
prendete questa lettera e leggete.
solo concluderò, signore belle,
che siete tutte due due sfacciatelle.
Gridi pur quanto vuol; mi basta alfine
che Leandro sia mio. Pasquino audace (Chiama il servo che viene)
dite che venga qui, che a rivederlo
da una estrema premura io son pressata. (Il servo parte)
non si vada più a letto. S'egli è vero
che Leandro da voi faccia ritorno,
se il vecchio c'entra, a rivederci a giorno.
ritornasse con lui. Chi sa? Può darsi
allor, soli, tra noi, senza Fabrizio,
stabiliremo il nostro sposalizio.
                         Chi è qui?
                                               Son io. Sapete
                                       Credo che il vecchio
e che vi voglia dar la figlia in sposa.
Volesse il ciel! Ma perché mai due messi,
l'un di Dorina e l'altro di Cecilia,
                                               Non so nulla,
vi brama, lo sapete, e a voi s'aspetta
di scegliere a piacer. Ma vi consiglio,
se bramate di trarne un qualche frutto,
non parlate di dote, avrete tutto.
                                     Potete andare,
son di là che vi stanno ad aspettare.
Ei dice il ver; ma questi matrimoni
non fra i signor ma fra la bassa gente.
vieni, vieni mio ben, sei ritornato?
Certo, perché il padron l'ha comandato.
                                      No.
                                                Perché?
Perché amor più non voglio aver per te.
                                Perché ho veduto assai,
perché non m'ami e non m'amasti mai.
Barbaro! E lo puoi dire e ancor ritorni
E torno con ragion, con fondamento.
                                                            Ingrata
posso veder di più? Fingi d'amarmi,
mi prometti da cena, e poi m'inganni?
porti dei maccheroni al mio rivale.
Come! Che dici mai? Tu non avesti
                                       No, che cambiata,
per Fabrizio schernir, la stanza avea.
In che dunque mancai, s'io nol sapea?
                                         No, tel giuro.
                                         Vivi sicuro.
Sempre sospetterò fin che Cupido
                                 Parla, disponi.
                                           Dici davvero?
Vedrai se questo cor per te è sincero.
non vi state a doler. Verrà per voi,
il buon giorno verrà. Trovar conviene
savio, nobile, ricco e di buon core,
che non curi la dote né il denaro,
che non sia come tanti un uomo avaro.
ma a queste condizion nol troverò.
Via sposatevi dunque. (A Leandro e Cecilia)
                                           Ecco la mano,
Vi do la mano e vi ho donato il core.
andremo al tribunale e se qualcosa
voi farete per me la sicurtà. (A Leandro)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8