Metrica: interrogazione
109 tronchi in La cascina Venezia, Geremia, 1756  (recitativo) 
ch’io dalla Cecca andrò.
A parlar colla Lena io non ci vo.
(Segui, risponderà). (A Pippo)
Cecca. (S’alza e chiama Cecca)
               Che vuoi? (Alzandosi)
                                    Andiamo via di qua.
Come c’entrate voi? (A Pippo)
                                       Non parlo più.
Lena gentil, troppo crudel sei tu.
Che ha che fare con me quello ch’è lì.
Io me ne vado via s’ei resta qui.
Berto, addio. (In atto di partire)
                           Dove vai?
                                                (Dove anderà?) (Da sé)
Ti dispiace ch’ei vada? (Alla Lena)
                                            A me? Perché?
                                        Egli anderà.
                                 (Non so partir di qua). (Da sé)
di descriverla almen come potrò.
che m’ha voluto accompagnar fin qua.
s’io fossi Enea, se Iarba fosse qui,
a quel moro crudel direi così:
viene la Cecca a lavorar con me.
                Sei nell’età;
Che volete che dica? Io non lo so.
fido amante, costante a voi sarò
fino... fino a quel dì... fin che potrò. (Parte)
                                      Eccoci qui.
                                              Si cangierà. (Parte con Pippo)
                                           Così fu.
               E poi non ho gridato più.
               Signora sì.
                                     Lena, perché?
Perché vuo’ far quel che mi par a me.
mi prenderei questa ragazza qui. (Accenna la Lena)
                                           Io non lo so.
                                   Dirò di no.
(Pippo mi fa pietà). (Da sé)
(Guarda che dall’Elisa ei tornerà). (Piano alla Lena)
La mia bella non è lontan di qui.
                              Ah no,
che se invano lo svelo io morirò.
Finché ci siamo noi non passerà.
Colla Lena il grazioso oggi non fa.
Non si risponde a un cavalier così.
A rintracciarla andrò! (In atto di partire)
Per ora non si può. (L’arresta)
                                     Come! Perché?
Chi vuol vederla ha da parlar con me.
                                        L’impedirò.
Tal coraggio con me? (Vuol avanzarsi)
                                         Coraggio avrò. (Si mette in difesa)
                                             (Ingrata!) Sì. (A Berto)
                                             Portalo qui.
Lena crudele, abbi di me pietà.
E chi t’ha detto che tu venghi qua?
(Povero Pippo mio, mi fa pietà). (Quasi piangendo)
rider mi fa costui, pazzo ch’egli è.
                                   (Meschina me!)
Addio, Berto; Cecchina, addio anche tu.
Sì vado via; non ci vedremo più.
ma via non anderai; resterai qui.
(Ancora qui costui?) (Da sé)
                                        (Eccolo qui.
Io gli rompo la testa in qualche dì). (Da sé)
                                         Se non l’avrò,
e lo sposo esser deve o Silvio o tu.
                                          Così è.
ch’io dica di voi due chi prenderò.
                                     Io non lo so.
                                            Pippo... non so.
                                       Ti prenderò. (Fugge via vergognandosi)
Chi mi può pareggiare in questo dì.
La mia Lena alla fin detto ha di sì.
grata, se vuo’ servirvi, un poco più? (A Cecca)
(È un bel pazzo costui). (Da sé)
                                             L’empio dov’è?
                                        Eccolo lì. (Accenna Costanzo)
la ricchezza, il decoro e la beltà;
                                      Signorsì,
                                  Via, venite qui;
Se afflitta siete, io vi consolerò.
Per cavalier son qui! Marito no.
Pazienza. Me la merito. Lo so!
Pippo briccone, mi vendicherò.
Se lo vedo morir, non v’è pietà.
Basta, se non è reo, si scolperà.