Metrica: interrogazione
42 tronchi in I bagni d'Abano Venezia, Fenzo, 1753  (recitativo) 
                                                Te lo dirò.
                                    Quand’è così,
                                           Oh dio! Nol so.
Che sì, che se ci penso io vel dirò!
Rispondete, signora, un poco a me.
               Che dite mai?...
                                              Venite qui,
(È tutta civiltà). (Ironico)
Siete galante assai. (A Violante)
                                      Vostra bontà.
                              Perché?
                                            E bene?
                                                              Oimè.
Questa voce no so da dove uscì.
Il diavolo dov’è? (Escindo dal letto)
                                 Eccolo qui. (Si spaventa di lui medesimo)
                Vuo’ vedere...
                                           Bu, bu, bu.
prendi, brutto cagnaccio. (Dà delle bastonate a Luciano coperto dalle cortine)
                                                Oimè, oimè.
Questa è voce d’un uom. Chi mai sarà?
Voglio veder chi è. (Scopre il letto)
                                     Per carità. (Si raccomanda)
sono pien di malani. Oh dei! Non so
se persin questa sera io viverò.
Voi mi date contento. Ohimè non so...
Fra il restare e il partir ci penserò.
Ha trattato il cuor mio con crudeltà.
                                                Perché già
                      Mai più ti guarderò.
                                         (L’agiusterò). (Li tocca con una verga e parte)
Sento che mi cangiai né so perché.
Or or lo trovo e ve lo mando qua. (Parte)
coll’ippocondria sua non fa per me).
Scrivete, ecco la carta; io deterò. (Marubbio siede al tavolino e Luciano siede poco lontano)