Metrica: interrogazione
33 sdruccioli in La pupilla Venezia, Valvasense, 1735  (recitativo) 
«Come sul far del dì...» Questa è vechissima.
i giovin d’oggidì! Altro non cercano
                                    Voi siete astrologo?
                                Non siete astrologo?
(Ha proprio un volto amabile,
è grazioso, è gentil, egl’è adorabile).
V’obbedisco signor ma arricordatevi
Non v’è tempo da perdere,
Servitor mio padron, servo umilissimo.
                                             Ah gentilissima
Vive amante di voi passionatissima;
ridete signor mio, ch’ella è bellissima.
                                       Bella bellissima.
nell’anno millesettecento e sedeci
di gennaro morì nel giorno tredici.
Astrologo si finse e poscia medico,
ch’io non potea più movermi,
                                  Fortunatissimo.
                                       Fate benissimo.