Metrica: interrogazione
354 settenari (recitativo) in Statira Venezia, Rossetti, 1742 
secondo figlio, io t'offro
Non sperar ch'io l'accetti,
fra due pensier quest'alma,
                              In onta
Ahi misero, che sento? (A parte)
                                  Ah infida! (A parte)
                             E donde
                            Io stesso
guerrier ch'abbia prodotto
             Ubbidisco. (In traccia
sì, sì; m'ispira il nume
sacrar qual più m'aggrada
Con qual cuor, con qual volto
                   Ingrata, vanne.
Deh cangia anche il costume...
ci vuole Aspasia. È questi
Lascia, signor, che adempia
                      O di nemica
che placasse il suo sdegno.
Oh, Dario. (Dopo pensato alquanto)
                       Or via punisci
S'ei more, entro quel sangue
che adempia il tuo castigo.
                 Qui Dario?
                                        In quella
che col sangue e col pianto
                             Venga
del reo congresso è a parte?
Dario, poiché il tuo ferro
                                 Cada
                Inorridisca,
                          Cada
Ma questo è il men. Tu stessa
                              La sposa
Nol soffrirò. (A Timagene piano)
                         Raffrena
Olà, venga Ariarate. (Siede)
                Signor, Oronte
                                 Ascolta.
del tempio al primo ingresso
                     Tutto m'è noto;
«Dal carcere ch'eletto (Legge)
Pronto, o regi, è alla pugna
                        Che portento! (A parte; scendono)
                               Tiranno
Opportuno è l'incontro. (A parte)
al bersaglio lo strale. (A parte)
                            Avranno
                       Taci, il sacro
               Al seno mio

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8