Metrica: interrogazione
215 settenari (recitativo) in La cantarina Roma, Puccinelli, 1756 
abbiate carità). (Piano a madama)
                      (Costui
                         State zitto.
Serva, serva umilissima. (Inchinandosi)
                    Mi fa grazia...
                      Obbligatissima.
Ehi, paggio. Da sedere. (Al paggio. Il paggio porta due sedie, il marchese dà la dritta a madama)
È molto ch’è in Bologna,
Sarà all’incirca un mese.
                        No madama.
                                   Sicuro.
(Allettarlo mi giova). (Da sé)
Obbligato, madama. (S’alzano)
S’altri non c’è, possiamo
Chi è costui che ora viene?
                          Né meno.
                            Signore.
L’ho conosciuta anch’io,
di far quel che ho in pensiero.
                   Uì madame.
Signor, troppa finezza. (S’inchina)
Troes hamble servitor. (S’inchina)
                                Bien presto.
                         Osord’hui.
                    E se verranno
«Il vostro genitore (Legge)
                Come! Porreste
d’abbandonar la cruda). (Da sé)
                           Non so.
vuo’ che sia scorbacchiata;
Servitor umilissimo. (S’inchina)
Serva sua riverente. (S’inchina)
sarà l’ultima volta). (Da sé)
                         Aspettate,
                          Sicuro.
                          Lo giuro.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8