Metrica: interrogazione
449 settenari (recitativo) in La diavolessa Venezia, Geremia, 1755 
Che c'è, che c'è di nuovo,
con vostra permissione, (A Dorina)
Ho scoperto un tesoro. (Piano)
                         Verissimo;
                            Un tesoro
                               Sicuro.
                 La contessa
M'inchino al signor conte, (A Giannino)
taccio... Ma quando poi... (A Dorina)
                     Io non lo so.
               Non vo' che siate
                 Se conosciuti
Faccio a lei riverenza. (Fa vari inchini)
                      Saprebbe
Signora (A Dorina) con licenza (A Giannino)
                 Di Macerata.
               Già l'ho svelato...
Vi è un pocchino d'imbroglio.
Contento contentissimo. (Piano a don Poppone)
                              Volevano
                 Perché in tal guisa
Eh ehm un passo in là. (Affettando gravità)
         Chi dunque ha piantato
ch'io più impazzir non voglio;
                       Obbligatissima. (Prende l’anello)
                        Obbligatissimo. (Prende la borsa)
là in quell'interno loco, (Parla verso la scena)
Che innocente fanciulla! (A Dorina)
Che giovane dabbene! (A Giannino)
                  Certo per voi,

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8