Metrica: interrogazione
518 settenari (recitativo) in Li matti per amore Venezia, Fenzo, 1754 
Eh mio signor Ridolfo, (Scotendo Ridolfo che sarà astretto)
                In là, che v'ho inteso;
                 All'osteria
                            Ne voglio
                                Ascolta.
                                 Buggiardo!
oh che caricatura! (Guardando Fazio che viene)
Tu lavi il capo all'asino (Al servo)
vuol far ciò che gli piace? (Al servo)
Signor non è cotesta. (Fazio viene frastornato dal servo)
                       Per appunto.
                         Perché?
Eh via signor, non serve. (Guardando la mano)
non uscite dal manico. (Con smania fra sé)
                        Certe volte...
                                Oh il fistolo
                                    È vero,
                  Tondi, sì bene.
                 Perché gl'amanti
              Cioè signore,
                            Non so.
Fazietto mio gentile. (Gli dà un pizzicotto)
                     Mi maraviglio. (A Lisetta)
                        All'amore.
                   Ho inteso, dico.
              Lasciam, di grazia,
tirami tu il giubbone. (Al servo)
Cioè volete dire... (Il servo tira il giubbone)
Cioè vorrei... cioè... (Il servo tira per il giubbone come sopra) Oh, oh che tiri!
                           Bel bello;
                Se il conoscessi.
                 Fazio voi siete.
                         Cioè...
                                   Oh dei! (Contrafacendola)
                    Sguaiato.
                           Impiccato.
              Non cominciamo
                                Oibò.
                           Che avete?
             Con chi volete
             Cioè il demonio.
                    Signorsì...
                   Signor no...
                                    Eugenia

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8