Metrica: interrogazione
281 settenari (recitativo) in Oronte re de' Sciti Venezia, Rossetti, 1740 
Ritiratevi. (Alle guardie) Parla. (Ad Artalice)
                                 Signore,
                               Alfine
Temerari! Cotanto (Impugna la spada)
               Spietato! E hai cuore
                               Signore,
vuo' regnar a dispetto (Sale in trono)
                                   È tempo
Grazie, o numi pietosi, (S’avanza)
Signor, se non ti è grave, (Ad Oronte)
(Odi come favella? (Piano a Tarpace)
                              Attendo,
(Misera!) (Da sé guardando Amasia)
                     Oh quanto pianto
cinto sen vien d'armati? (Viene Oronte con soldati, quali s’arrestano)
                              Ribaldi...
questo di sua perfidia (Dà il foglio ad una guardia)
                              Ah vili,
un'asta, un arco! Ah vili, (Alla voce d’Oronte si arrestano)
ah mi divora e strugge. (In atto di fuggire)
Ecco fra sue ritorte (Viene condotto Oronte)
Vieni, fedele Ermondo, (Ermondo sale al trono)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8