Metrica: interrogazione
304 settenari (recitativo) in I bagni d'Abano Venezia, Fenzo, 1753 
e l'accendo dall'altra. (Sospirando)
                                Signore.
Ahi mi manca il respiro. (S’alza)
                           Signore,
                  È un uom di garbo.
               Voi sospirate?
               Venite rossa?
ch'io vi baci la mano. (Baccia la mano a Violante)
(È tutta civiltà). (Ironico)
                              Perché?
(Lo farò per spicciarmi). (Piano a Riccardo)
Hanno un odor sì raro? (Prende i fiori e li odora)
               Oimè! Qual dolcezza,
                         (Con l'arte
                             Ma come?
                         Davvero? (Con timore)
               Brutto demonio...
                  Quando ci penso
Lisetta. (Caccia fuori la testa dalle cortine e la ritira)
                 Chi mi chiama? (Guardando qua e là)
                 Chi mi vuole?
Bu, bu, bu, bu. (Fa il cane nascosto nel letto)
                              Cagnaccio,
È andata via? (Caccia fuori la testa)
                            Se torna!
Vi son bene obbligato. (S’alza dal letto e scende)
Sentite che fragranza. (A Rosina odorando i fiori)
                               Mendace.
                   Non deggio.
             Pietà mi chiede
             Mio ben.
                                Qual forza
             Sciocco che sei!
                      Questa volta
                          Padron caro,
                   In questo momento.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8