Metrica: interrogazione
584 endecasillabi (recitativo) in L'Arcadia in Brenta Ferrara, Barbieri, 1749 (Venezia) 
Orsù lo vuo' svegliar. Già s'alza il sole;
fra quei che siamo e quelli che verranno,
Signor Fabrizio... Ehi, signor Fabrizio.
                                     Sì.
                                             V'ho da parlare.
                         Egli si torna a addormentare.
                                              Seguitate. (Si risveglia)
Tengo gli occhi serrati ma v'ascolto. (Dorme)
                                  Già.
                                             M'avete inteso?
                               E ben, che rispondete?
                          Che denar?
                                                  M'avete inteso?
                           Alzatevi di grazia.
non so più come far, che oggi s'aspetta
Signor Fabrizio... Ehi, signor Fabrizio...
                                   Che! Come!
                                                           Voi siete
                                      Io? Che dite?
Venite qua. (Lo prende per una mano e lo tien forte)
                         Son qua.
                                            Vi torno a dire,
per supplire l'impegno in cui voi siete?
                                Oibò.
                                             Grano?
                                                             È venduto.
                                Sì. (S’appoggia alle spalle di Foresto)
                                        La carrozza?
                               Eh io non sono pazzo
                                O la carrozza o il carro,
vuol che st'anno lo stesso faccia anch'io.
e quanto doverò spender ancora. (Tira fuori un foglio ed una penna da lapis)
                                  E voi il caprone.
                                          Io sederei
che non manca mai sedia a chi ha il sedere.
Io niente e loro tutto? Aspetta, aspetta).
                                     E che volete?
                 Non m'intendete? Un capo storno!
                              Io!
                                      Lauretta, adesso torno. (S’alza)
Passeggiate un tantino ed io mi sento. (Siede nel loco di Foresto)
                                     (Vuo' divertirmi).
                                  Ma finalmente...
                                 Son io...
                                                  Voi siete
                                      Che padrone!
Questa casa ch'è qui non è più vostra.
                                        Oibò.
                                                     Vogliamo fare
                                  Acciò ben la capisca
Io non voglio star senza pastorella. (Contrafacendo Fabrizio)
che tutti se n'andiamo in compagnia. (Parte)
                                          E non vedete
                                        Io ve lo giuro,
                          Che amor indiavolato!
                                        Or la capisco.
                                   Gli affetti miei
                                Bellezze fortunate! (Toccandosi il viso)
                                    Niente affatto.
che venga ad onorar l'Arcadia in Brenta. (Parte il servo)
                                          Che cosa è stato?
                             Vicino è il suo palazzo
Per le mie pianticine è troppo e troppo.
                                        Sì, ve ne priego.
                                Scusi, mi perdoni,
                                     Quando si balla,
non si fan quattro passi in su un mattone.
Or le farò venir. Ehi. (Chiama il servo)
                                         State zitto.
                                    Veh, cosa sento?
                                       Ma non vorrei
Sia ringraziato il ciel che se n'è andata.
Giacché alla casa s'ha a veder il fondo,
nel ruolo de' suoi servi esser descritto.
che mi rese il più vago e il più giocondo
                                      Sì, mio signore;
                                      L'essuberanza,
delle grazie, onde lei m'ha incatenato...
                                Lasci che almeno...
                               Non fia mai vero
                        Ah madama, io morirò.
il labbro inchino e me gl'accosto anch'io.
                         Sian grazie al cielo, al fato;
                                      Non mi stancate.
                                        Deh riponete
                                           Sì, tabacco.
È foglia schietta, schietta e leggierissima.
Questo, questo mi piace, obligatissima. (Prende tabacco)
li farà stranutar fino alla sera). (Parte)
                                     Sarei contenta
che a voi piace quel viso, io ve lo ciedo.
                                     E aver pazienza.
                                     (Già mia voi siete). (Piano a Rosana)
Deh lasciate che io finga e non temete. (Piano a Giacinto)
                                  Se mi concede
Signor principe, questo è un brutto imbroglio.
non mi perdo in la folla; io son Fabrizio.
brilla comecché a voi brilla il cervello.
                                             Or di que' doni
ch'io lo delusi e questo è il mio pastore.
Che siate maledetti tutti sei. (Tutti si alzano)
                                      Che cosa è stato?
(Con questa smorfia anch'io mi divertisco).
vuo' seguitar Fabrizio. Egli è arrabiato.
tutto il torto non ha. Ma questo è il frutto
di chi vuol far di più del proprio stato;
spende, soffre, non gode ed è burlato. (Parte)
Quando il genio non v'è, non fanno niente.
                                               Deh, madama, (A Lindora)
                                        (Per qual ragione?) (A Giacinto)
(Piace alle donne assai l'adulazione). (A Rosana)
                                            Io nol contendo.
                                         Andate piano.
(Più grazioso piacer non ebbi mai). (A Giacinto)
                                            Eccomi lesto.
Con questo andar sì pian, voi m'ammazzate.
                                        Anzi belissimi.
                                                 Di grazia,
                                         Ah nol temete;
                                 Eh via, signor Fabrizio,
                                    Siete in errore;
Ciò ch'ha di vostro ognun di noi vi rende
né d'usurpar il vostro alcun pretende. (Gli dà l’orologio, la scattola e l’anello)
                                  Come? In un giorno
                                       Siete in impegno,
                                        Sì, dite bene.
                                          Ecco, prendete
Qualor torno saprete il come e il quando. (Parte)
                                 (Questa, a dir il vero,
                                                Non sente?
                                 (E pur, se mi volesse,
Si... gnor Fa... bri... zio. (Con caricatura)
                                             Oh cielo! Mi perdoni,
                    M'aiuti.
                                     Eccomi lesto.
                             Perché?
                                              Son tenerina.
                               S'accomodi, madama.
Ehi... Dico pian, non tema. Ehi reca tosto
                                    Molt'obligata. (Il servo va e torna con una sedia di damasco)
                                             Oibò, è sì dura
                                      Ella è padrona. (Torna il servo colla poltrona)
                                    Oh peggio, peggio.
                               Portate via
quell'odor di vacchetta, ahi, mi fa male. (Torna Fabrizio con un matarazzo)
                                       Quest'è un strappazzo,
                                    Signor Fabrizio,
                                          Io non ne so.
                         Cioè la parte buffa.
Il buffo io dovrò far? Quest'è un mestiere
dicendo che il poeta è un ignorante. (Parte)
quel ch'ha fallato è il mastro di capella».
                                      Eccome cà.
l'occhio mio più non vede, ond'è che afflitto
                             A quella.
                                                Io non la vedo.
                                        Cà sulla strada?
                     Chi batte? (Di dentro)
                                           Songo io.
                                              Chi siete voi,
                                      Deh vi prego,
                                        Ora la servo.
Con essa vene Menarella ancora. (Vengono Lindora e Lauretta)
Per te me sento lo Vesuvio in pietto. (A Laura)
                                    Mi duole il capo.
                                       Vuol far grazia
                                       Ancora lei.
                                                 Oh me meschina!
                                        Poco e polito.
                                Ebben, che c'è di nuovo?
                                        È di bon core.
                                          Convien sospendere
fin che si trovin quei che voglion spendere.
                                         No certamente.
Ahimè, che languidezza! Io manco, io moro.
                                        Sì, mia signora.
pongo lo sprone al cor, l'ali alle piante. (Parte)
                                            Un bel marito.
                                       Io non ascolto
che se il labbro non parla, parlan gl'occhi.
Parto, perché sturbarvi non conviene. (Parte)
Io l'amo, è ver, ma non vuo' dirlo adesso;
                       Il cordiale. (Allo speziale) Ecco il cordiale. (A madama)
                                       Io non ho male.
Dite ben, dite bene, io beverò. (Ne getta mezzo in un bicchiere e lo beve, poi dà il resto a Lindora)
                              Eccolo qui.
                Ma voi non siete cavagliere.
                                             Ohimè, mi sento
                                             Sì, madama,
                                 Eccolo.
                                                È troppo
                                     Che importa questo?
                                      Perché se veri
e da voi sol la mia fortuna attendo. (Parte)
Vuo' fugir la vergogna e scampar via. (S’incontra in Foresto)
Aspettatemi qui, che adesso torno. (Vuol andar da una parte e s’incontra in Rosana)
Con buona grazia di vusignoria. (Vuol andar da un altro lato e s’incontra in Giacinto)
Aspettate un pochino e son con voi. (Si volta da una parte e incontra madama Lindora)
                        Vi prego.
                                           Vi scongiuro.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8