Metrica: interrogazione
39 ottonari in Griselda Venezia, Rossetti, 1735 
ch’è cagion del mio penar.
freme l’onda in mar turbato
già s’aspetta naufraggar.
   Dal dovere e dall’amore
   No, non tanta crudeltà. (Ad Ottone)
Deh ti muova almen pietà (A Corrado)
   Tu vorresti col tuo pianto,
   L’alma tua mentre sospira
col suo duolo ancor non sa. (Partono tutti fuor che Griselda)
   Ombre vane, vani orrori
   Sento, oh dio, che più non posso
   Doppo un’orida tempesta
splende chiaro il ciel sereno
che disgombra il nostro seno
   Imeneo che se’ d’amore
dolce ardor, nodo immortale,
stringi l’alma, annoda il core.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8