Metrica: interrogazione
160 ottonari in Il matrimonio discorde Roma, Puccinelli, 1756 
   Non la guarda appena in faccia,
   Quell’amor che il primo dì
   Temeraria, via di qua. (A Sandra)
Ehi parlate come va. (A donna Florida)
                          Superbaccia.
                               Ci vuo’ stare. (A donna Florida)
                         Malcreata. (A donna Florida)
                          Superbaccia.
                        Malcreata.
                          M’hanno stordito.
(perché son di te marito). (Sdegnato il marchese lo minaccia)
   (Verrà un giorno anche per me). (Piano a donna Florida)
Oh che grazia, oh che bontà. (Parte)
malmenar di qua e di là. (Si ritira)
fate quel che s’ha da far. (A donna Florida)
   Ehi signore venga qui. (Verso la scena)
                       Com’ho da far? (Al marchese)
                          Pentita sono.
Non importa, se non viene, (Verso la scena)
                       Certo.
                                     Oibò.
                          Oh questo no.
   Venga, venga mio signore. (Verso la scena)
   Basta ancora? (A don Ippolito)
                                Non signora,
                          L’ho da chiamar?
                           Signorsì.
                           Questo no.
                             Eccomi qui.
   Voi verrete a casa presto? (A donna Florida)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8