Metrica: interrogazione
525 settenari (recitativo) in Il signor dottore Venezia, Fenzo, 1758 
                         Per più capi.
Ehi, venite, Rosina. (Verso la scena)
                                Sorella,
                         Vi avviso
                    Per lo meno.
                            E per questo...
Quest’addio... Quel messere...
quod in signum amoris. (Vuol abbraciarla)
Signor con sua licenza, (Respingendolo)
                            E per questo,
                            Importa molto.
                           Ci sono,
Ah che dite? Intendete? (A Fabrizio)
Sì, è vero; a lei m’inchino.
Subito immantinente. (Va a prendere una sedia)
                         Cosa dite?
                         Lo capite! (A Fabrizio)
                 Sicuramente.
Venga pur don Alberto. (Al servitore che parte)
                    Estremamente.
Sentiam che cosa dice. (Prende per leggere)
                   Che ho da dire
Presto, che ora abbiamo? (Guarda l’orologio)
                    Andar io deggio,
                  Cos’è accaduto?
                       Sentiamo. (Gli vuol toccare il polso)
                           Signore,
E voi ve lo credete? (A Beltrame)
                            No certo.
                                     Oibò.
                  Ve lo giuro
                            Non basta.
                            Né meno.
                     Rosina
                     Con licenza,
Ehi, l’avete saputo? (A Beltrame con allegria)
                 Di Bernardino.
tacete e soportate). (A Bernardino)
(Chi principia di noi). (Piano a Fabrizio)
Non occor che s’incomodi. (A don Alberto)
Eh lasciamolo dire. (A Bernardino)
eccola qui firmata. (Mostra un foglio a Beltrame)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8