Metrica: interrogazione
23 ottonari in La contessina Venezia, Fenzo, 1743 
   Vidi appena il vago volto
   Restai preso in quel momento
dall’ignoto occulto laccio
e già sento, se più taccio,
   A una dama qual io sono
                            Non è poco.
                        Che bontà!
   Io son dama e tanto basta.
                      V’è chi il contrasta?
V’è chi il dubita o nol sa.
   Chi il mio grado non conosce
guardi attento il volto mio;
   Ohimè mi... mi vien la tosse.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8