Metrica: interrogazione
270 ottonari in La buona figliuola maritata Bologna, Sassi, 1761 
che mia spata fa tremar. (Al marchese)
                             Eccola qui. (Dà la mano a Tagliaferro)
                             Signorsì. (Dà la mano a Marianna)
                                 Contentissima.
Dar parola? (Al marchese prendendolo per la mano)
                         Sicurissima.
   Ah main Sozz allegra star. (A Marianna)
Ah main Herr, non mi purlar. (Al marchese)
   È partito? (A Sandrina e Paoluccia)
                         Se n’è ito. (Al marchese)
e il divorzio s’ha da far. (A Marianna)
E di qua se n’ha d’andar. (A Marianna)
                         Non v’è pietà.
                         Già si sa.
                           Non c’è più.
                       Se ne va.
   Carne star de bestia grossa (Placido)
Jo, star manze, jo trofato, (Con allegria)
Lesse, roste fol mangiar. (Partono tutti due)
   Chi star questa? (Accennando Sandrina)
                                    Star Sandrina.
che Mariandel strappazzar. (Minaccia Sandrina)
                         Per pietà. (Trattenendo il colonnello)
che un bacino le vuo’ dar. (Bacia Sandrina)
   Chi star questa? (Accenando Paoluccia)
                                    Star Paoluccia.
Tu mia figlia maltrattar. (Minaccia Paoluccia)
                             No, papà. (Trattenendo il colonnello)
e lei pur vogl’io baciar. (Bacia Paoluccia)
e con lui foler sfogar. (Minaccia il marchese)
                             No, non fate. (Trattenendo il colonnello)
                                 No signore.
foler testa a ti tagliar. (Minaccia Mengotto)
                            Per pietà. (Trattenendolo come sopra)
è pur grande il tuo poter. (Ognuno da sé)
ch’io non possa mai goder. (Rimproverandosi a vicenda)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8