Metrica: interrogazione
127 ottonari in La cantarina Roma, Puccinelli, 1756 
   Ve l’ho detto e il torno a dir;
gelosia non vuo’ soffrir.
   Ve l’ho detto e lo dirò
                           Tutto o niente.
   Soffrirò fin certo segno;
ma star saldo non m’impegno,
   Quegli occhietti graziosetti
m’hanno fatto innamorar. (Parte)
   Questo volto, questa mano,
   Ma facciamo patti chiari;
   Il presente mi consola,
   Se ne avrete, mio sarete;
tollerar vi converrà. (Parte)
   Ah vorrei che andasse via,
   Casa vostra molta gente.
Oh signor non v’è nessuno.
                     Non voler niente.
Che tu dir? (A Lorino irato)
                        Io non parlar. (Con timore)
   Io foler donar anello. (A madama mostrandole un anello)
Non lo stare ad accettar. (A madama di lontano con cenni dietro al marchese)
Che tu dir? (A Lorino irato)
                        Io non parlar. (Con timore)
   (L’ho provata, signorsì,
che con tutti fa così). (Da sé)
   (Se il marchese tornerà,
quello ancor si piglierà). (Da sé)
perché anelli non ne ho!) (Da sé)
   Sto a vedere con piacere
   Quell’anello ha destinato... (Al marchese)
Non signor, non voglio quello;
   Mia sorella non è quella
che accostumi far così. (Alto al marchese)
Tu star zitto. (A Lorino con collera)
                          Signorsì. (Tremando)
   Vorrei dar... Ma dar non posso.
                          Zitto star. (Come sopra)
La mia man vuol onorar? (Gli dà la mano)
Non lo posso sopportar. (Sdegnato)
   Ah tar Taifle! Pist ai Nor. (Contro Lorino irato)
Ah main Ssoz di tutto cor. (A madama amoroso)
Non lo posso sopportar. (Come sopra)
   Io mi sento dal contento
   Per quel primo dolce amore
che provai per te nel cuore,
per quel ben che ti vogl’io
   Per la fé che ti ho serbato
   Non temer. Sarò fedele.
                       Non lo credo.
                       Non giurar...
   Ah qual pena cruda e ria
   Bella mia, son cavaliere,
                          Signor no.
   Camerata piglia piglia. (A Lorino)
                           Signor no.
   Puntiglioso! Donna ingrata!
Prendi, prendi camerata. (A Lorino)
                         Malcreato. (A Castagna)
   Il fratello alla sorella
vuol far perdere l’anello.
Più di lei non son fratello.
                       Suo marito.
                         Così è.
   Mi rallegro, bravo, bravo.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8