Metrica: interrogazione
28 decasillabi in I volponi Venezia, Zatta, 1794 
   Oh che giorno! Che giorno felice!
Terra e cielo risplendon sereni
e si vedon di gioia ripieni
gli amoretti fra gli astri brillar.
   La carrozza e i cavalli... (A Tolomello)
                                               Son presti.
Credenzier, cucinieri...
                                            Son lesti.
Della casa voi cura prendete. (A Merlina)
Sì signor, sì signor, non temete.
Tolomello, la spada e ’l cappello.
Ecco pronto il cappello e la spada.
Voi andate a osservar sulla strada, (Ai servitori)
e badate e correte e tornate,
se la sposa vedete arrivar.
   Viva, viva il padron generoso
che si vede alla calma vicino;
scenda Venere e ’l nume bambino,
vengan ambi la sposa a scortar.
   Vi son grato d’un cuor sì amoroso,
compensato sarà il vostro zelo.
Scenda Venere e Amore dal cielo,
vengan ambi la sposa a scortar.
   Ah la bile rosicchiami il petto,
ah mi sento le gote infiammar.
   La vedrem, la vedrem, ti prometto
che gl’insulti saprò vendicar. (Parte)
   Zitto, zitto, lasciateli dire, (A Fabrizio e Tolomello)
zitto, zitto, lasciateli far.
chi è più bravo contento sarà.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8