Metrica: interrogazione
154 quinari in L'amore artigiano Venezia, Fenzo, 1761 
   (Chi è che a quest’ora
   Anima bella. (All’uscio)
Luci leggiadre. (Con voce sottile)
Dorme il vecchione. (Come sopra)
   Ah disgraziato! (Esce e si scopre)
quest’è il perché. (Parte colla fanciulla)
Sono un briccone? (Avvanzandosi)
   Per tua cagione. (A Giannino)
   Se la mi salta... (Alza il martello)
Se la mi monta... (Alza il martello)
va’ via di qua. (S’attaccano fra di loro)
far anca mi. (Ritorna la scolara ch’era partita a parlare all’orecchio di Rosina)
dovrei lasciarti (Gli dà dell’acqua odorosa e gli asciuga il volto)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/carlogoldoni.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8