La fondazion di Venezia, Venezia, Valvasense, 1736

Vignetta Frontespizio
 AZIONE PRIMA
 
 BESSO, DORILLA, NISO. Coro di pescatori
 
 coro
 
    Mattina e sera
 cantemo: «E viva
 la libertà».
 
165   Questa è la vera,
 questa è la nostra
 felicità.
 
 Besso
 Cossa serve, fradei, l'arzento e l'oro,
 i superbi palazzi,
170le ricche veste e le preziose tole
 se el tesoro mazor no se possiede?
 Digo la libertae dada dal cielo,
 conservada da nu con tanto zelo.
 Dorilla
 Mi certo non invidio
175la fortuna de quelle
 che de ganzo vestie, carghe de zoggie
 nega la volontà per complimento.
 Oh quante con tormento
 per forza e contragenio maridae
180ghe tocca d'ingiotir,
 co se sol dir, le pillole indorae.
 Niso
 Caro sier Besso, ho sentio a dir da tanti
 che le persone ricche
 magna boni bocconi,
185nu semo poveretti e me rincresce
 che me tocca a magnar sempre del pesce.
 Besso
 Cossa vustu de meggio? Un bon bruetto
 de bisatti marini o femenali,
 un cievolo rostio,
190quattro folpi da latte,
 un pospasto de cappe o masanette
 xe meggio de pastizzi e de polpette.
 Dorilla
 E no ti xe contento
 de quelle sepolline
195che te fazzo magnar tante mattine?
 Besso
 Orsù a monte ste istorie;
 pensemo a far le nozze; avanti sera,
 voi che sié maridai.
 Dorilla
                                       Caro sior pare
 sarò tutta contenta.
 Niso
                                      Missier Besso,
200farò quel che volé ma fin adesso
 no ho fatto altro mistier che de pescar
 né so cossa che sia sto maridar.
 Besso
 
    No ti intendi maridar?
 Se l'intende fina i pesci
205mutti e sordi in mezzo al mar.
 
    Mamalucco senza inzegno
 ti è più tondo della luna,
 se ti perdi sta fortuna
 ti xe un matto da ligar. (Parte)