I sdegni amorosi tra Bettina putta de campielo e Buleghin barcariol venezian, Milano, Malatesta, 1732

Vignetta Frontespizio
 BULEGHIN barcarolo e BETTINA
 
 Buleghin
 Cosa dirastu mai Bettina cara?
 Che tardi son vegnuo a retrovarte;
 za me feguro
 de vederla instizzada,
5rabbiosa co è una chizza,
 buttar le bave, come fa un serpente,
 e dir ch'ella de mi no pensa gnente.
 Ah ziogo maledetto!
 Ti xe la mia rovina, te cognosso
10né posso star senza le carte adosso.
 Per esser stà fin desso
 al ziogo de bassetta, ho perso i bezzi
 e desgustà Bettina poveretta.
 
    Sento el ziogo che me chiama
15e Bettina che me brama
 né so a chi abbia da badar,
 
    per un sento gran tormento
 e per l'altra gh'ho contento,
 gramo mi cos'hoi da far.
 
20Ma pur bisogna
 sforzarse e far coraggio,
 soffrir con pase i so schiamazzi
 e lassarla criar quanto ghe piase,
 che alfin dopo i crior se fa la pase.
 Bettina
25Certo che a una bell'ora
 a vederme vegnì sier mandolato;
 credea che int'el caligo
 ve fussi perso o descolà int'el giazzo.
 Al certo gran facende,
30gran ziri e gran negozi
 bisogna che gh'abbié in sta cittae;
 de mi no ve curé, za me n'accorzo;
 vu gh'avé troppi impegni...
 Per no dir troppo taso
35ma credi Buleghin che la gh'ho al naso.
 Buleghin
 Me stupiva da seno in veritae
 che gh'avesse una volta el gran contento
 de trovarte in bonazza;
 ma d'ognora ti xe co fa una bissa
40e ti butti le bave co è una chizza.
 Bettina
 Sier frascon senz'inzegno,
 za che volé che diga,
 no gh'hoi forse rason de lamentarme
 o pensé che no sappia
45la vita che tegnì e zorno e notte;
 so che in tutti i cantoni
 volé far da galante
 con qualche paronzina;
 l'altro dì mi ho savesto
50che favi el cicisbeo
 a Checa fia de Catte lavandera;
 l'avé menada ai freschi e in verso sera
 che ghe facevi drio el cascamorto
 e po avé marendà con ella in orto.
 Buleghin
55Chi t'ha dito ste chiarle, cara matta?
 Me maravegio ben che ti ghe badi;
 ma se posso saver chi xe sta lengua
 che de panchiane te vien a stornir,
 co un pistolese mi lo voi sbasir.
 Bettina
60Che caro sier gradasso inanemao
 che tutti vuol mazzar quando che i dise
 la veritae che xe schietta e real
 ma alla fin po resté co fa un cocal.
 
    Vardé là che bambozetto,
65scartozetto,
 che vuol tutti spaventar!
 
    Ma col sente un po' de zente
 la corrente
 el xe el primo a tacchizar.
 
 Buleghin
70No se femo nasar Bettina cara;
 né me far la zelosa se stavolta
 son vegnù troppo tardi a visitarte.
 Ti sa viscere care
 quanto che t'amo; né altra donna
75gh'averò mai int'el cuor
 che ti anema mia, raise care.
 Donca no me far più la sdegnosetta;
 guarda el to Buleghin, batti la lana
 o che me mazzo al sanguenin de Diana.
 Bettina
80Donca se no te vardo ti è ressolto
 de volerte mazzar in mia presenza?
 Frascon, mi no te credo in mia conscienza. (Finge partire)
 Buleghin
 Ferma Bettina cara no andar via
 o fazzo del mio cuor una beccaria. (Vuol ferirsi)
 Bettina
85Distu da senno o fastu una mattada?
 O qua me vustu far una frittada?
 Buleghin
 No fazzo né frittada né sguazzetto
 ma voi cavarme el cuor che gh'ho int'el petto. (Vuol ferirsi)
 Bettina
 E sta' savio buffon, vivi anca un poco
90né volerme lassar pezzo d'alocco.
 Buleghin
 Vivrò za che ti 'l vuol cara Bettina,
 vivrò come te piase
 ma con patto mio cuor che femo pase.
 Bettina
 Femo pase sì sì, mi te l'accordo
95ma con questo però che da qua avanti
 ti lassi andar i vizi.
 All'ostaria no voi che ti ghe vaghi,
 che no ti vardi più nissuna donna;
 voi che ti lassi el ziogo de bassetta
100che un zorno me farave poveretta.
 Buleghin
 Ogni trista memoria ormai se tasa
 e se ponga in obrio le andate cose,
 m'insegna a dir cusì Torquato Tasso,
 t'obbedirò Bettina a cao basso.
 Bettina
 
105   Ti ha inteso el mio patto,
 sta' fermo, sta' saldo.
 
 Buleghin
 
 Con tutto sto caldo
 te vuoi sodisfar.
 
 Bettina
 
    Sta' forte in cervello.
 
 Buleghin
 
110Te zuro costanza.
 
 Bettina
 
 Se un zorno in sostanza...
 
 Buleghin
 
 Vorem solazar.
 
 a due
 
 Vorem solazar.
 
 Fine del primo intermezzo