Il negligente, San Pietroburgo, stamperia del corpo dei Cadetti, 1758

 SCENA II
 
 LISAURA, poi AURELIA
 
 LISAURA
 Amor non dà mai pace.
 Quand'un'alma dovrebbe esser contenta,
 timore e gelosia l'alma tormenta.
 AURELIA
860O signora Lisaura, le son serva.
 Ella è sempre più bella e più vezzosa.
 Quando mai si fa sposa?
 LISAURA
 Ch'io sia sposa o fanciulla,
 quest'è un affar che a voi non preme nulla.
 AURELIA
865Anzi mi preme assai;
 anzi sempre bramai
 che il ciel fecondo e amico
 fosse al suo cor. (Non me n'importa un fico).
 LISAURA
 Ed io bramai di core,
870per non dirvi bugia,
 che voi di questa casa andaste via.
 AURELIA
 Grazie alla sua bontà. V'andrò ma forse
 bramerà il mio ritorno
 e si riccorderà d'Aurelia un giorno.
 LISAURA
875È difficile molto.
 AURELIA
                                  Oh già si sa
 che una dama di rango non si degna
 rammentarsi di me vile ed abbietta.
 LISAURA
 Siete, Aurelia mia cara, una fraschetta.
 
    Nel furor di doppio vento
880nauffragante passaggiero
 nell'istabile elemento
 vien la morte ad incontrar.
 
    Ogn'insulto ancor più fiero
 soffrirò del fato rio
885ma la gloria e l'amor mio
 vo' costante conservar.