Griselda, Venezia, Rossetti, 1735

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA II
 
 GRISELDA e detto
 
 Griselda
 Eccoti, sire, innanzi
 l'umil tua serva.
 Gualtiero
                                 È grave
15l'affar, per cui sul primo albor del giorno
 qui ti tragge Gualtier.
 Griselda
                                           Tutta quest'alma
 pende da' labbri tuoi.
 Gualtiero
                                          Siedi.
 Griselda
                                                        Ubbidisco.
 Gualtiero
 Il ripetter ci giovi
 gl'andati eventi. Dimmi
20qual io fui, qual tu fosti.
 Griselda
                                              (Alto principio).
 In vil tugurio io naqui,
 tu fra gl'ostri reali.
 Gualtiero
                                     Era il tuo incarco...
 Griselda
 Pascer gl'armenti.
 Gualtiero
                                    Il mio...
 Griselda
                                                     Dar leggi al mondo.
 Gualtiero
 Come al soglio salisti?
 Griselda
25Tua bontà fu, cui piaque
 sollevarmi dal pondo
 della mia povertà vile ed abietta.
 Gualtiero
 Così al regno ti ammisi.
 Griselda
                                              E fui tua serva.
 Gualtiero
 Tal ti accolsi nel letto.
 Griselda
                                          Ed io nel core.
 Gualtiero
30(Meritar men d'un regno
 non dovea tanta fede e tant'amore).
 Prole avemmo?
 Griselda
                                Una figlia.
 Gualtiero
                                                      E tolta questa
 ti venne dalla cuna.
 Griselda
 E più non ebbi, oh dio! notizia alcuna.
 Gualtiero
35Quant'ha?
 Griselda
                       Quindeci volte
 compì d'allor l'annua carriera il sole.
 Gualtiero
 Ti affligesti?
 Griselda
                          Fu legge
 al mio duol il tuo cenno.
 Gualtiero
                                              Io fui per essa
 e carnefice e padre.
 Griselda
                                       Era tuo sangue
40e versar lo potevi a tuo piacere.
 Gualtiero
 E m'ami ancor crudel?
 Griselda
                                            Meno amar io
 non ti potrei, s'ancor versassi il mio.
 Gualtiero
 Alfin...
 Griselda
                Naque Everardo
 unica tua delizia.
 Gualtiero
                                  In sì gran tempo
45ti spiaqui? T'oltraggiai?
 Griselda
                                              Grazie sol n'ebbi.
 Gualtiero
 Di quanto feci io non mi pento. Il cielo
 testimonio mi sia. Ma pur conviene
 che i miei doni ritratti. Il re talvolta
 dee servire a' vassalli e seco stesso
50per serbarne il dominio esser tiranno.
 Griselda
 Dove tu imperi ogni raggion condanno.
 Gualtiero
 La Tessaglia, ov'io regno,
 ubbidirmi ricusa. Ella mi sgrida
 che i talami reali abbia avviliti
55con sposare Griselda e non attende
 da' boschi ove se' nata il suo monarca;
 a chiamar m'ha costretto
 sposa di reggio sangue al trono, al letto.
 Griselda
 La provincia vassalla
60tanti lustri soffrì me per reggina
 ed or solo mi sdegna?
 Gualtiero
                                          Ella è gran tempo
 che ricalcitra al giogo. Io già svenai
 di stato alla raggion la cara prole;
 gl'odi alquanto sopì ma non estinse;
65or che naque Everardo, impaziente
 torna all'ire e m'insulta.
 Griselda
 S'Everardo sol rompe
 tai bei nodi d'amor, dunque Everardo... (S’alza)
 Ah no... Griselda mora.
70Son moglie, è ver, ma sono madre ancora.
 Gualtiero
 Moglie già più non sei.
 Griselda
 Mi condonna, o mio re, se troppo chiesi
 e se troppo tardai,
 forse a renderti un nome a me sì caro.
75Il tuo voler dovea
 esser norma al mio affetto. Ecco mi spoglio
 il diadema e lo scettro e a quella destra
 che mel cinse e mel diede
 riverente il ritorno.
 Gualtiero
                                      (Alma ressisti).
 Griselda
80Se ti piaccio in tal guisa
 nelle perdite ancor trovo gl'aquisti.