Il povero superbo, Venezia, Fenzo, 1755

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA VII
 
 DORISBE sola
 
 Dorisbe
 Amore, amor secondo
 volgi lo sguardo a chi ti sacra il petto.
 Se il fato mi divide
 da quello del mio fuoco
765sì preggiabile oggetto
 quale, oh numi, sarà la vita mia?
 Sempre in pene ed affanni
 passerò sospirando i più begl'anni.
 
    Se dell'anime fedeli
770tu secondi i voti amore,
 deh seconda del mio core
 anco i voti in questo dì.
 
    Non soffrir che le crudeli
 smanie ree de' sventurati
775turbin cuori amanti amati
 cui ragione i lacci ordì
 il piacer di questo cor.