La notte critica, Venezia, Fenzo, 1766

Vignetta Frontespizio
 SCENA II
 
 DORINA e detto
 
 Dorina
                                     (Mio padre è qui). (Timorosa)
 Pandolfo
 Dorina. (Chiamandola dolcemente)
 Dorina
                   (Oimè). Signor.
 Pandolfo
                                                  Via non temete,
 so che innocente siete,
 so la vostra bontà
 ma da voi vuo' saper la verità.
 Dorina
1140(Respiro). Eccomi pronta
 a dir quello che io so.
 Pandolfo
                                         Dite figliuola,
 conoscereste a sorte
 certo signor Leandro?
 Dorina
                                           Sì signore.
 Pandolfo
 È ver che a far l'amore
1145ei viene in questa casa?
 Dorina
                                              Signorsì.
 Pandolfo
 Cospetto?
 Dorina
                      Signor padre
 se voi andate in collera
 non saprete di più.
 Pandolfo
                                      No, figlia mia,
 in collera non son. Ma che intenzione
1150ha egli?
 Dorina
                  Bella e buona.
 Pandolfo
 Di sposar?
 Dorina
                       Di sposar.
 Pandolfo
                                            Se lo sapete,
 è ricco?
 Dorina
                  Signorsì.
 Pandolfo
                                     Qual è il suo grado?
 Qual la sua condizion?
 Dorina
                                            Nobile.
 Pandolfo
                                                            (Affé
 mi potrebbe giovar). Credete voi
1155che se manda Cecilia a domandarlo
 egli vorrà venir?
 Dorina
                                 Perché Cecilia?
 Pandolfo
 Per un dissegno mio.
 Dorina
 Se il volete veder, manderò io.
 Pandolfo
 Voi? Perché voi?
 Dorina
                                  Perché... (Con timore)
 Pandolfo
1160Se amante è di Cecilia?
 Dorina
                                              No di me. (Vergognandosi)
 Pandolfo
 Di voi?
 Dorina
                 Sì, mio signore. (Con una riverenza modesta)
 Pandolfo
                                                Oh questa è bella!
 Dorina
 Egli mi preferisce a mia sorella.
 Pandolfo
 Quand'è così, mandate;
 ma temo v'inganniate.
 Dorina
                                            Non signore,
1165per me sola Leandro arde d'amore.
 
    Vi prego compatire
 la mia temerità,
 vi prego di gradire
 la mia sincerità.
 
1170   Un padre sì amoroso
 che di dolcezza è pien
 mi accorderà uno sposo
 ch'è ricco e mi vuol ben.