Il filosofo di campagna, Torino, Guibert e Orgeas, 1777

 SCENA V
 
 DON TRITEMIO e poi LA LENA
 
 DON TRITEMIO
 Figlia, figlia sgraziata,
 dove sei? Non ti trovo; ah se Rinaldo
 mi capita alle mani,
1270lo vo' sbranar, come fa l'orso i cani.
 Invan l'ho ricercato al proprio albergo;
 sa il cielo se il briccon se l'ha nascosta
 o se via l'ha menata per la posta.
 Son fuor di me; son pieno
1275di rabbia e di veleno.
 Se li trovassi, li farei pentire.
 Li vo' trovar, se credo di morire.
 LA LENA
 Signor, che cosa avete
 che sulle furie siete?
1280Fin là dentro ho sentito
 che siete malamente inviperito.
 DON TRITEMIO
 Ah! Son assassinato.
 M'han la figlia involato;
 non la trovo, non so dov'ella sia.
 LA LENA
1285E non vi è altro?
 DON TRITEMIO
                                 Una minchioneria!
 LA LENA
 Eugenia vostra figlia
 è in sicuro, signor, ve lo prometto.
 E collo sposo suo nel nostro tetto.
 DON TRITEMIO
 Là dentro?
 LA LENA
                       Signorsì.
 DON TRITEMIO
1290Collo sposo?
 LA LENA
                          Con lui.
 DON TRITEMIO
                                           Ma Nardo dunque...
 LA LENA
 Nardo, mio zio, l'ha caro.
 Per ordin suo vo a prender il notaro. (Parte)