Il filosofo di campagna, Torino, Guibert e Orgeas, 1777

 SCENA XVI
 
 LA LENA sola
 
 LA LENA
 Se fosse in casa mia
1000questa signora zia, confesso il vero,
 non vi starei con essa un giorno intero.
 Sprezza la contadina;
 vuol far da cittadina,
 perché nata in città per accidente,
1005perché bene sa far l'impertinente.
 Eppur quando ci penso,
 bella vita è la nostra ed onorata!
 Sono alla sorte ingrata
 allorché mi lamento
1010d'uno stato ripien d'ogni contento.
 
    La pastorella al prato
 col gregge se ne va,
 coll'agnelline a lato
 cantando in libertà.
 
1015   Se l'innocente amore
 gradisce il suo pastore,
 la bella pastorella
 contenta ognor sarà. (Parte)