Il filosofo di campagna, Torino, Guibert e Orgeas, 1777

 SCENA VI
 
 LA LENA ed il suddetto
 
 LA LENA
215Eccolo qui, la vanga
 è tutto il suo diletto. (Da sé)
 Se foste un poveretto,
 compatirvi vorrei ma siete ricco,
 avete dei poderi e dei contanti;
220la fatica lasciate ai lavoranti.
 NARDO
 Cara nipote mia,
 piuttosto che parlar come una sciocca,
 fareste meglio maneggiar la rocca.
 LA LENA
 Colla rocca, col fuso e coi famigli
225stanca son d'annoiarmi;
 voi dovreste pensare a maritarmi.
 NARDO
 Sì, volentieri. Presto
 comparisca un marito. Eccolo qui. (Accenna un villano)
 Vuoi sposar mia nipote? Signorsì.
230Eccolo io ve lo do.
 Lo volete? Vi piace? (Alla Lena)
 LA LENA
                                        Signor no.
 NARDO
 Va' a veder se passasse
 a caso per la strada
 qualche affamato con parucca e spada. (Al villano, il quale parte ridendo)
235Vedi? Ride Mingone e ti corbella.
 Povera vanarella,
 tu sposeresti un conte od un marchese,
 perché in meno d'un mese,
 strapazzata la dote e la fanciulla,
240la nobiltà ti riducesse al nulla.
 LA LENA
 Io non voglio un signor né un contadino,
 mi basta un cittadino
 che stia bene...
 NARDO
                              Di che?
 LA LENA
                                               Ch'abbia un'entrata
 qual a mediocre stato si conviene,
245che sia discreto e che mi voglia bene.
 NARDO
 Lena, pretendi assai,
 se lo brami così, nol troverai.
 Per lo più i cittadini
 hanno pochi quattrini e troppe voglie
250e non usano molto amar la moglie.
 Per pratica comune
 nelle cittadi usata,
 è maggiore l'uscita dell'entrata.
 LA LENA
 Il signor don Tritemio
255è cittadino, eppure
 così non usa.
 Ma in villa se ne sta,
 perché nella città vede il pericolo
 d'esser vizioso o diventar ridicolo.
260Della figliuola sua
 v'han proposte le nozze, io ben lo so.
 NARDO
 Ed io la sposerò,
 perché la dote e il padre suo mi piace,
 con patto che non sia
265gonfia di vento e piena d'albagia.
 LA LENA
 L'avete ancor veduta?
 NARDO
 Ieri solo è venuta.
 Oggi la vederò.
 LA LENA
                               Dunque chi sa
 s'ella vi piacerà.
 NARDO
                                Basta non abbia
270visibili magagne;
 sono le donne poi tutte compagne.
 LA LENA
 Ammogliatevi presto signor zio.
 Ma voglio poscia maritarmi anch'io.
 
    Di questa poverella
275abbiate carità.
 Io son un'orfanella
 che madre più non ha.
 Voi siete il babbo mio.
 Vedete caro zio
280ch'io cresco nell'età.
 
    La vostra nipotina
 vorrebbe poverina...
 Sapete... M'intendete...
 Movetevi a pietà. (Parte)