Il filosofo di campagna, Mannheim, Stamperia Elettorale, [1771]

 SCENA XVIII
 
 LESBINA, poi NARDO e CAPOCCHIO notaro, poi DON TRITEMIO
 
 LESBINA
 Oh se sapessi il modo
 di burlar il padron, far lo vorrei.
850Basta, m'ingegnerò;
 tutto quel che so far, tutto farò.
 NARDO
 Lesbina, eccoci qui. Se don Tritemio
 ci ha mandati a chiamar perch'io vi sposi,
 lo farò volentier ma non vorrei
855che vi nascesse qualche parapiglia,
 qualche imbroglio novel tra serva e figlia.
 LESBINA
 La cosa è accomodata.
 La figliuola sposata
 sarà col cavalier che voi sapete;
860ed io vostra sarò, se mi volete.
 NARDO
 Don Tritemio dov'è?
 LESBINA
                                         Verrà a momenti.
 Signor notaro, intanto
 prepari bello e fatto
 per un paio di nozze il suo contratto.
 CAPOCCHIO
865Come? Un contratto solo
 per doppie nozze? Oibò.
 Due contratti farò, se piace a lei,
 che non vuo' dimezzar gli utili miei.
 LESBINA
 Ma facendone un solo
870fate più presto e avrete doppia paga.
 CAPOCCHIO
 Quand'è così, questa ragion m'appaga.
 NARDO
 Mi piace questa gente,
 della ragion amica,
 ch'ama il guadagno ed odia la fatica.
 LESBINA
875Presto dunque, signore,
 finché viene il padrone
 a scriver principiate.
 CAPOCCHIO
 Bene, principierò;
 ma che ho da far?
 LESBINA
                                    Scrivete; io detterò.
 CAPOCCHIO
 
880   In questo giorno, etcaetera
 dell'anno mille, etcaetera
 promettono... si sposano...
 I nomi quali son? (A Lesbina)
 
 LESBINA
 
 I nomi sono questi...
885(Ohimè vien il padron).
 
 DON TRITEMIO
 Ehi Lesbina.
 LESBINA
                           Signore.
 DON TRITEMIO
 Eugenia non ritrovo.
 Sai tu dov'ella sia?
 LESBINA
                                     No, certamente.
 DON TRITEMIO
 Tornerò a ricercarla immantinente.
890Aspettate un momento,
 signor notaro.
 LESBINA
                             Intanto
 lo faccio principiare. Io detto, ei scrive.
 DON TRITEMIO
 Benissimo.
 NARDO
                        La sposa
 non è Lesbina? (A don Tritemio)
 LESBINA
                                Certo.
895Le spose sono due.
 Una Eugenia si chiama, una Lesbina.
 Con una scritturina
 due matrimoni si faranno, io spero;
 non è vero, padrone?
 DON TRITEMIO
                                         È vero, è vero. (Parte)
 LESBINA
900Presto, signor notar. Via, seguitate.
 NARDO
 Terminiamo l'affar.
 CAPOCCHIO
                                       Scrivo; dettate.
 
    In questo giorno, etcaetera
 dell'anno mille, etcaetera
 promettono... si sposano...
905I nomi quali sono?
 
 LESBINA
 
 I nomi sono questi:
 Eugenia con Rinaldo
 dei conti di Pancaldo.
 
 NARDO
 
 Dei Trottoli Lesbina
910con Nardo Ricottina.
 
 CAPOCCHIO
 
 Promettono... si sposano...
 La dote qual sarà?
 
 LESBINA
 
    La dote della figlia
 saranno mille scudi.
 
 CAPOCCHIO
 
915Eugenia mille scudi
 pro dote cum etcaetera.
 
 NARDO
 
 La serva quanto avrà?
 
 LESBINA
 
 Scrivete; della serva
 la dote eccola qua.
 
920   Due mani ben leste
 che tutto san far.
 
 NARDO
 
 Scrivete; duemila
 si pon calcolar.
 
 LESBINA
 
    Un occhio modesto,
925un animo onesto.
 
 NARDO
 
 Scrivete; seimila
 li voglio apprezzar.
 
 LESBINA
 
    Scrivete; una lingua
 che sa ben parlar.
 
 NARDO
 
930Fermate; cessate.
 Tremila per questo
 ne voglio levar.
 
 CAPOCCHIO
 
    Duemila, seimila,
 battuti tremila,
935saran cinquemila...
 ma dite di che?...
 
 LESBINA E NARDO
 
 Contenti ed affetti,
 diletti per me.
 
 A TRE
 
    Ciascuno lo crede,
940ciascuno lo vede
 che dote di quella
 più bella non v'è.
 
 DON TRITEMIO
 
    Corpo di satanasso!
 Cieli, son disperato!
945Ah! M'hanno assassinato!
 Arde di sdegno il cor.
 
 LESBINA E NARDO
 
    Il contratto è bello e fatto.
 
 CAPOCCHIO
 
 Senta, senta, mio signor.
 
 DON TRITEMIO
 
    Dove la figlia è andata?
950Dove me l'han portata?
 Empio Rinaldo indegno,
 perfido rapitor!
 
 CAPOCCHIO
 
    Senta, senta, mio signor.
 
 DON TRITEMIO
 
 Sospendete. Non sapete?
955Me l'han fatta i traditor.
 
 LESBINA
 
    Dov'è Eugenia?
 
 DON TRITEMIO
 
                                   Non lo so.
 
 NARDO
 
 Se n'è ita?
 
 DON TRITEMIO
 
                       Se n'andò.
 
 CAPOCCHIO
 
 Due contratti?
 
 DON TRITEMIO
 
                              Signor no.
 
 CAPOCCHIO
 
    Casso Eugenia cum etcaetera,
960non sapendosi, etcaetera
 se sia andata o no, etcaetera.
 
 A QUATTRO
 
    Oh che caso! Oh che avventura!
 Si sospenda la scrittura,
 che dappoi si finirà.
 
965   Se la figlia fu involata,
 a quest'ora è maritata.
 E presente la servente,
 quest'ancor si sposerà.
 
 Fine dell’atto secondo