Il filosofo di campagna, Londra, Griffin, 1769

 SCENA VI
 
 LESBINA, poi NARDO
 
 LESBINA
 Capperi! S'attaccava
 prestamente al partito;
 troppo presto volea far da marito.
255Ecco il ricco villano;
 ora son nell'impegno.
 Tutta l'arte ci vuol, tutto l'ingegno.
 NARDO
 Chi è qui?
 LESBINA
                       Non ci vedete?
 Per ora ci son io.
 NARDO
260Buondì a vossignoria.
 LESBINA
                                          Padrone mio.
 NARDO
 Don Tritemio dov'è?
 LESBINA
                                         Verrà fra poco.
 Potete in questo loco
 aspettar, se vi aggrada.
 NARDO
                                             Aspetterò.
 Voi chi siete, signora?
 LESBINA
                                           Io non lo so.
 NARDO
265Sareste per ventura
 la figliuola di lui venuta qui?
 LESBINA
 Potria darsi di sì.
 NARDO
 Alla ciera mi par.
 LESBINA
                                   Così sarà.
 NARDO
 Mi piacete da ver.
 LESBINA
                                    Vostra bontà.
 NARDO
270Sapete chi son io?
 LESBINA
                                    No, mio signore.
 NARDO
 Non ve lo dice il core?
 LESBINA
 Il cor d'una fanciulla,
 se si tratta d'un uom, non sa dir nulla.
 NARDO
 Ah, furbetta, furbetta! Voi m'avete
275conosciuto a drittura;
 delle fanciulle al cor parla natura.
 LESBINA
 Siete forse?
 NARDO
                         Via, chi?
 LESBINA
                                            Nardino bello?
 NARDO
 Sì, carina, son quello,
 quello che vostro sposo è destinato.
 LESBINA
280Con licenza, signor, m'hanno chiamato.
 NARDO
 Dove andate?
 LESBINA
                            Non so.
 NARDO
 Eh restate, carina!
 LESBINA
                                     Signor no.
 NARDO
 Vi spiace il volto mio?
 LESBINA
                                           Anzi mi piace.
 Ma.
 NARDO
           Che ma!
 LESBINA
                             Non so dir che cosa sia.
285Con licenza, signor, voglio andar via.
 NARDO
 Fermatevi un momento.
 (Si vede dal rossor ch'è figlia buona).
 LESBINA
 (Servo me stessa e servo la padrona).
 
    Compatite, signor, se io non so,
290son così, non so far all'amore.
 Una cosa mi sento nel core
 che col labbro spiegar non si può.
 
    Miratemi qua,
 saprete cosa è.
295Voltatevi in là,
 lontano da me.
 
    Vo' partire, mi sento languire.
 Ah, col tempo spiegarmi saprò. (Parte)