Il filosofo di campagna, Brunswick, [1765] (La serva accorta)

 SCENA XIII
 
 NARDO, poi LESBINA
 
 NARDO
 Pazzo sarei davvero,
 se a costo d'una lite,
 se a costo di temere anche la morte
700procurar mi volessi una consorte.
 LESBINA
 Sposo, ben obligata.
 M'avete regalata.
 Anch'io, quando potrò,
 qualche cosetta vi regalerò.
 NARDO
705No no, figliuola cara,
 dispensatevi pur da tal finezza.
 Quand'ho un poco di bene, mi consolo
 ma quel poco di ben lo voglio solo.
 LESBINA
 Che dite? Io non v'intendo.
 NARDO
                                                    Chiaramente
710dunque mi spiegherò.
 Siete impegnata, il so, con altro amico
 e a me di voi non me n'importa un fico.
 LESBINA
 Ah non è vero.
 Di mendace e infedel non vuo' la taccia.
715Lo sosterrò di tutto il mondo in faccia.
 Qualch'error vi sarà, ve lo protesto.
 Tenero core onesto
 per voi serbo nel petto;
 ardo solo per voi di puro affetto.
 NARDO
720(Impossibile par ch'ella m'inganni).
 LESBINA
 Tenera sono d'anni
 ma ho cervello che basta e so ben io
 che divider amor non può il cor mio.
 Voi siete il mio sposino;
725e se amico destino a voi mi dona,
 anche un re lascierei colla corona.
 NARDO
 S'ella fosse così...
 LESBINA
                                  Così è purtroppo.
 Ma voi siete pentito
 d'essere mio marito;
730qualch'altra donna amate
 e per questo, crudel, mi discacciate.
 NARDO
 No, ben mio, no carina;
 siete la mia sposina; e se colui
 o s'inganna o m'inganna o fu ingannato,
735dell'inganno sarà disingannato.
 LESBINA
 Dunque mi amate?
 NARDO
                                       Sì, v'amo di core.
 LESBINA
 Siete l'idolo mio.
 NARDO
                                  Siete il mio amore.