Il signor dottore, Venezia, Fenzo, 1758

Vignetta Frontespizio
 SCENA XV
 
 ROSINA e detti, poi PASQUINA, poi FABRIZIO
 
 Rosina
 
    Serva umilissima signor dottore,
 me ne congratulo con lei di cuore,
 faccio il mio debito qual si convien.
 
 Bernardino
 
    Garbata giovine bene obbligato,
445di voi ricordomi, vi sarò grato
 col nuovo titolo ch'io porto in sen.
 
 Beltrame
 
    Avete fatto quel che si aspetta!
 Egli l'ufficio cortese accetta;
 abbiam che fare, potete andar. (A Rosina)
 
 Rosina
 
450   Mi discacciate? (A Beltrame)
 
 Bernardino
 
                                   No no restate. (A Rosina)
 
 Beltrame
 
 S'ei lo permette, si può restar. (A Rosina)
 
 Rosina
 
 (Non è ancor tempo di principiar).
 
 Pasquina
 
    Signor dottore, s'ella comanda
 è preparata quella bevanda
455che cioccolata si suol chiamar.
 
 Bernardino
 
    In questa camera la vuo' pigliar.
 E a quanti siamo s'ha da portar.
 
 Beltrame
 
    Presto si faccia,
 che il mio dottore
460vuol farsi onore,
 si vuol trattar.
 
 a quattro
 
    Viva il buon gusto,
 viva il buon cuore,
 cosa migliore
465non si può dar. (Fabrizio con alcuni servitori che portano cinque tazze di cioccolata)
 
 Fabrizio
 
    Ecco signori
 la cioccolata.
 
 Beltrame
 
 È molto nera!
 
 Pasquina
 
 Che cosa ingrata!
 
 Bernardino
 
470Miglior bevanda
 non so trovar.
 
 Beltrame
 
    Alla salute
 del mio dottore.
 
 Rosina, Fabrizio
 
 Viva il messere,
475viva il fattore.
 
 Bernardino
 
 Non si fa brindesi
 col cioccolato. (A Beltrame)
 
 Beltrame
 
 Oh maledetto
 mi son scottato.
 
 Rosina, Fabrizio
 
480Non è già vino
 da traccanar.
 
 Beltrame
 
    Più non ne voglio,
 quel nero imbroglio
 tutti gettate,
485presto portate (Ai servitori)
 fiaschi e bicchieri,
 vini sinceri
 fan giubilar.
 
 Bernardino, Pasquina a due
 
    Il signor padre
490vuole scherzar.
 
 Fabrizio, Rosina a due
 
    Il suo costume
 vuol seguitar. (Portano i bicchieri col vino a tutti)
 
 tutti
 
    Questa è del borgo
 la cioccolata,
495bevanda grata,
 dolce licor.
 
    Dunque beviamo,
 dunque cantiamo,
 viva di cor
500l'eloquentissimo
 il sapientissimo,
 il dottorissimo
 signor dottor.
 
 Fine dell’atto primo