Il filosofo di campagna, Treviso, Pianta, 1765

 SCENA XIV
 
 LA LENA e detti
 
 LA LENA
 Signor zio, signor zio, che cosa fate?
 Lontano discacciate
875colei che d'ingannarvi ora s'impegna,
 d'essere vostra sposa non è degna.
 LESBINA
 (Qualche imbroglio novello).
 NARDO
                                                       Ha forse altrui
 data la fé di sposa?
 LA LENA
                                      Eh signor no.
 Quel ch'io dico lo so per cosa vera,
880ella di don Tritemio è cameriera.
 LESBINA
 (Ah maledetta!)
 NARDO
                                 È ver quel ch'ella dice? (A Lesbina)
 LESBINA
 Ah misera infelice!
 Compatite se tanto
 amor mi rese ardita.
885Finsi il grado, egli è ver, perché v'adoro.
 Per voi languisco e moro.
 Confesso il mio fallire
 ma vogl'essere vostra oppur morire.
 NARDO
 (Poverina!)
 LA LENA
                         Vi pare
890che convenga sposare
 a un uom come voi femina tale?
 NARDO
 Non ci vedo alcun male.
 Per me nel vostro sesso
 serva o padrona sia, tutt'è lo stesso.
 LESBINA
895Deh per pietà donate
 perdono all'error mio.
 NARDO
 Se mi amate di cor, v'adoro anch'io.
 Per me sostegno e dico,
 ed ho la mia ragione,
900che sia la condizione un accidente.
 Sposar una servente
 che cosa importa a me, se bella e buona?
 Peggio è assai s'è cattiva una padrona.
 
    Se non è nata nobile
905che cosa importa a me?
 Di donna il miglior mobile
 la civiltà non è.
 Il primo è l'onestà;
 secondo è la beltà;
910il terzo è la creanza;
 il quarto è l'abbondanza;
 il quinto è la virtù
 ma non si usa più.
 
    Serveta graziosa
915sarai la mia sposa,
 sarai la vezzosa
 padrona di me.