L’isola disabitata, Venezia, Fenzo, 1757

Vignetta Frontespizio
 SCENA XVI
 
 GARAMONE e detti, poi CAROLINA
 
 Garamone
 Cara la mia Giacinta,
570vi ricerco per tutto e non vi trovo.
 Vi è qualcosa di nuovo?
 Parmi veder quel ciglio rabuffato.
 Giacinta
 Pezzo di disgraziato.
 A me di questi torti?
 Garamone
575Io non so niente.
 Giacinta
                                  Il diavol che vi porti.
 
    Mi consolo con voi mio signore
 dell'acquisto di nuova beltà.
 Ma vendetta vuo' far di quel core,
 ma mi voglio sfogar come va.
 
 Garamone
 
580   Non intendo che cosa mi dica,
 incantato restare mi fa.
 Questa cosa davvero m'intrica,
 chi sa dirmi Giacinta cos'ha?
 
 Valdimonte
 
    Tutti due quel bugiardo ci accusa
585colle belle di rea fedeltà.
 
 Panico
 
    Miei signori vi prego di scusa,
 quel che ho detto da tutti si sa.
 
 Valdimonte, Garamone a due
 
    Scelerato, disgraziato,
 la mia man ti punirà.
 
 Panico
 
590Ah Giacintina, per pietà.
 
 Giacinta
 
    Non bravate, nol toccate,
 niun di voi l'offenderà.
 
 Garamone
 
    Hai ragione.
 
 Valdimonte
 
                             Ci vedremo.
 
 a due
 
 Sempre lei non ci sarà.
 
 Panico
 
595Giacinta, per pietà.
 
 Giacinta
 
    Quest'è il mio caro,
 quest'è il mio bello
 e questo è quello (Mostra di accarezzare Panico)
 ch'io voglio amar.
 
 Panico
 
600   E voi morite,
 se ci patite. (A Garamone)
 
 Valdimonte
 
 Voi lo soffrite? (A Garamone)
 
 Garamone
 
 Lo vuo' scannar. (Contro Panico)
 
 Carolina
 
    Nessuno ardisca
605toccar Panico,
 mio caro amico, (Mostrando di accarezzare Panico)
 mio dolce amor.
 
 Panico
 
    E voi crepate,
 se vi lagnate. (A Valdimonte)
 
 Garamone
 
610Lo sopportate? (A Valdimonte)
 
 Valdimonte
 
 Ti cavo il cor. (Contro Panico)
 
 Carolina, Giacinta a due
 
    Non minacciate,
 non lo toccate,
 caro Panico,
615mio dolce amor.
 
 Giacinta
 
    Voi non c'entrate.
 Questo è per me. (A Carolina)
 
 Carolina
 
 Voi la sbagliate,
 così non è.
 
 Giacinta
 
620   Pel suo gran merito
 non è bastante.
 
 Carolina
 
 Dal grado nobile
 è assai distante.
 
 Valdimonte, Garamone a due
 
 Fra lor si attaccano
625per nobiltà.
 
 Panico
 
    Vorrei dividermi
 di qua e di là.
 
 Giacinta
 
    Venite meco. (Lo tira a sé)
 
 Carolina
 
 Venite qua. (Lo tira a sé)
 
 Panico
 
630   Piano, vi supplico
 per carità.
 
 Carolina
 
    Quest'anellino
 vi vuo' donare.
 
 Valdimonte
 
 Di un mio regalo
635si fa così?
 
 Giacinta
 
    Questo spillone
 vi voglio dare.
 
 Garamone
 
 È un mio presente,
 datelo qui.
 
 Carolina, Giacinta a due
 
640   Sì ve lo dico.
 Tutto a Panico
 voglio donar.
 
 Garamone, Valdimonte a due
 
    Quel disgraziato,
 quel scellerato
645voglio ammazzar. (Colle spade)
 
 Carolina, Giacinta a due
 
    Pria che ferire il petto
 del dolce mio diletto,
 mi passerete il cor.
 
 Valdimonte, Garamone a due
 
 Basta, v'adoro ancor.
 
 Carolina, Giacinta a due
 
650   Perfidi, barbari,
 senza pietà.
 
 Panico
 
    Ah difendetemi.
 Per carità.
 
 Carolina, Giacinta a due
 
    No non temete,
655meco verrete
 senza timor.
 
 Panico
 
    Sì che nel seno
 giubbila il cor.
 
 Valdimonte, Garamone a due
 
    Sì che son pieno
660d'ira e furor.