La diavolessa, Venezia, Geremia, 1755

Vignetta Frontespizio
 SCENA X
 
 Don POPPONE e DORINA
 
 don Poppone
 Gli antenati del conte
 han fatto testamento
945rispettabile certo ai giorni nostri;
 così avessero fatto ancora i vostri.
 Dorina
 Ma vivere soggetta
 degg'io, seguendo delle nozze il rito,
 sotto le leggi anch'io di mio marito.
 don Poppone
950Dunque per obbedire
 agli antenati suoi
 tutto quel che vi dan prendete voi?
 Dorina
 Tutto non so. V'è un certo codicillo
 che permette talora il dir di no.
 don Poppone
955Per esempio se io
 vi donassi un tesor?
 Dorina
                                       L'accetterei.
 don Poppone
 E se v'offrissi il cor?
 Dorina
                                        Ci penserei.
 Dirò, come diceva
 in Venezia, sua patria, una ragazza:
960«Del vostro cuor cossa voleu che fazza?»
 E poi su tal proposito,
 con quella veneziana sua grazietta,
 gli cantava così la canzonetta.
 
    Sior omo generoso,
965el cuor vu me offerì?
 Cossa m'importa a mi
 de sto regalo?
 
    Co no gh'avé de meggio
 con mi per farve onor,
970tolé sto mio conseggio,
 no sté a parlar d'amor;
 tegnivelo, godevelo,
 salvevelo, pettevelo,
 sior generoso, el cuor.
 
975   «El cuor val un tesoro»
 lo so che me diré
 ma pochi ghe ne xe
 che sia sinceri.
 
    No sta inte le parole
980el merito maggior;
 ghe xe delle cariole
 che gh'ha un bell'esterior;
 tegnivelo, godevelo,
 salvevelo, pettevelo,
985che mi no credo al cuor.
 
    La xe una bella prova
 per dir che se vol ben,
 quando che zo se vien
 coi regaletti.
 
990   La xe una cossa equivoca
 sto dir: «Ve porto amor».
 Ma penetra le viscere
 dell'oro el bel splendor;
 tegnivelo, godevelo,
995salvevelo, pettevelo,
 che no ve vedo el cuor.
 
    No l'è certo interesse
 quello che parla in mi.
 Me fa pensar cusì
1000l'usanza sola.
 
    Se a vu no se ve crede,
 no no ve fé stupor,
 che se cognosce e vede
 dall'opere l'amor.
1005Tegnivelo, godevelo,
 salvevelo, pettevelo
 senza le prove el cuor. (Parte)