Il filosofo di campagna, Cremona, Ricchini, [1760]

 SCENA III
 
 DON TRITEMIO, EUGENIA e poi LESBINA che torna
 
 EUGENIA
 (È molto s'io resisto). (Da sé)
 DON TRITEMIO
580Affé non ho mai visto
 una donna di te più scimunita.
 Figlia che si marita
 suol esser lieta, al suo gioir condotta?
 E tu stai lì che pari una marmotta?
 EUGENIA
585Che volete ch'io dica?
 DON TRITEMIO
                                          Parla o taci,
 non me n'importa più.
 Sposati e in avvenir pensaci tu.
 LESBINA
 Signor, è un cavaliero
 col notar della villa in compagnia
590che brama riverir vossignoria.
 DON TRITEMIO
 Vengano. (Col notaro?
 Qualchedun che bisogno ha di denaro).
 LESBINA
 (È Rinaldo, padrona. Io vi consiglio
 d'evitar il periglio). (Pian ad Eugenia)
 EUGENIA
                                        (Andiamo Lesbina). (A Lesbina)
595Con licenza. (S’inchina a don Tritemio)
 DON TRITEMIO
                          Va' pure.
 EUGENIA
                                             (Ahi me meschina!) (Da sé e parte con Lesbina)