Il filosofo di campagna, Cremona, Ricchini, [1760]

 SCENA XI
 
 NARDO e poi DON TRITEMIO
 
 NARDO
 Si vede chiaramente
425che la natura in lei parla innocente.
 Finger anche potrebbe, è ver purtroppo,
 ma è un cattivo animale
 quel che senza ragion sospetta male.
 DON TRITEMIO
 Messer Nardo da bene,
430compatite se troppo trattenuto
 m'ha un domestico impaccio;
 vi saluto di core.
 NARDO
                                 Ed io vi abbraccio.
 DON TRITEMIO
 Or verrà la figliuola.
 NARDO
                                        È già venuta.
 DON TRITEMIO
 La vedeste?
 NARDO
                         Gnorsì, l'ho già veduta.
 DON TRITEMIO
435Che vi par?
 NARDO
                         Mi par bella.
 DON TRITEMIO
                                                   È un po' ritrosa.
 NARDO
 La fanciulla va ben sia vergognosa.
 DON TRITEMIO
 Disse niente? Parlò?
 NARDO
                                        Mi disse tanto
 che sperare mi fa d'esser amato.
 DON TRITEMIO
 È vero?
 NARDO
                  È ver.
 DON TRITEMIO
                                (Oh ciel sia ringraziato). (Da sé)
440Ma perché se n'andò?
 NARDO
                                           Perché bel bello
 amor col suo martello
 il cor le inteneriva
 e ne aveva rossore.
 DON TRITEMIO
                                     E viva; e viva.
 Eugenia, dove sei? Facciamo presto;
445conchiudiamo l'affar.
 NARDO
                                          Per me son lesto.
 DON TRITEMIO
 Chi è quella?
 NARDO
                           È mia nipote.