Il filosofo di campagna, Verona, Ramanzini, 1760

 SCENA II
 
 LESBINA, poi DON TRITEMIO
 
 LESBINA
60Povera padroncina!
 Affé la compatisco.
 Quest'anch'io la capisco.
 Insegna la prudenza,
 se non si ha quel che piace, è meglio senza.
 DON TRITEMIO
65Che si fa, signorina?
 LESBINA
 Un po' d'insalatina
 raccogliere volea pel desinare.
 DON TRITEMIO
 Poco fa v'ho sentito a cantuzzare.
 LESBINA
 È ver, colla padrona
70mi divertiva un poco.
 DON TRITEMIO
                                          E mi figuro
 che cantate s'averanno
 canzonette d'amor.
 LESBINA
                                      Oh non signore;
 di questo o di quel fiore,
 di questo o di quel frutto
75si cantavan le lodi.
 DON TRITEMIO
                                     Il crederò?
 LESBINA
 Le volete sentir!
 DON TRITEMIO
                                 Le sentirò.
 LESBINA
 Qualche stroffetta canterò a proposito. (Da sé)
 DON TRITEMIO
 Oh ragazza!... Farei uno sproposito. (Da sé)
 LESBINA
 Sentite, padron bello,
80la canzonetta sopra il ravanello.
 
    Quando son giovine,
 son fresco e bello,
 son tenerello,
 di buon sapor.
 
85   Ma quando invecchio
 gettato sono;
 non son più buono
 col pizzicor.
 
 DON TRITEMIO
 Scaccia questa canzon dalla memoria.
 LESBINA
90Una ne vuo' cantar sulla cicoria.
 
    Son fresca, son bella
 cicoria novella.
 Mangiatemi presto;
 coglietemi su.
 
95   Se resto nel prato,
 radicchio invecchiato,
 nessuno si degna
 raccogliermi più.
 
 DON TRITEMIO
 Senti ragazza mia,
100questa canzone ha un poco d'allegria.
 Tu sei, Lesbina bella,
 cicorietta novella;
 prima che ad invecchiar ti veda il fato,
 esser colta dovresti in mezzo al prato.
 LESBINA
105Per me v'è tempo ancora.
 Dovreste alla signora
 pensar, caro padrone.
 Or ch'è buona stagione,
 or ch'è un frutto maturo e saporito,
110non la fate invecchiar senza marito.
 DON TRITEMIO
 A lei ho già pensato;
 sposo le ho destinato e avrallo presto.
 LESBINA
 Posso saper chi sia?
 DON TRITEMIO
                                       Nardo è cotesto.
 LESBINA
 Di quella tenerina
115erbetta cittadina
 la bocca d'un villan non mi par degna.
 DON TRITEMIO
 Eh la prudenza insegna
 che ogn'erba si contenti
 d'aver qualche governo,
120purch'esposta non resti al crudo verno.
 LESBINA
 Io mi contenterei,
 pria di vederla così mal troncata,
 per la neve lasciar la mia insalata.
 DON TRITEMIO
 Tu sei un bocconcino
125per il tuo padroncino.
 LESBINA
                                          Oh oh sentite
 un'altra canzonetta ch'ho imparata
 sul proposito mio dell'insalata.
 
    Non raccoglie le mie foglie
 vecchia mano di pastor.
 
130   Voglio un bello pastorello;
 o vuo' star nel prato ancor. (Parte)