Candace, Venezia, Rossetti, 1740

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA X
 
 NICETA e LAGIDE creduto Aulete
 
 NICETA
 Parte Lagide, o Aulete, e sola il siegue
 quella parte di me ch'ha più del forte,
 quella ch'ha più del tenero si arresta
1110ne' tuoi begli occhi e questa
 da' tuoi begli occhi mi ritorna al core;
 né mi sa favellar fuor che d'amore.
 LAGIDE
 Se ascoltassi il mio cor, cara Niceta,
 non saprei dirti anch'io
1115fuorché bella, adorata, amante e sposa;
 ma il rimprovero io sento
 di mia virtù; quantunque lento ei parli,
 lasciami in pace e resta,
 resta a Lagide, o mio soave amore,
1120in mercé ti dimando
 che col dolce tuo sposo assisa a canto
 al cadavere mio
 quel de' begli occhi tuoi mesci al suo pianto.
 
    Adorate mie pupille,
1125due sole stille
 de le belle vostre lagrime
 vi dimanda il mio dolor.
 
    Ma vorrei ch'oltre del sangue,
 sul busto esangue
1130col più tenero dell'anima,
 lagrimasse il nostro amor.