Ottone, Venezia, Rossetti, 1739

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA III
 
 ADELAIDE
 
 ADELAIDE
 No barbara, la morte
 non è il maggior de' mali miei; l'amara
 lontananza crudel del caro sposo
785toglie all'anima mia tutto il riposo.
 Crudelissimo amor, tu mi accendesti
 sol per farmi languir. Grandezze e trono
 involarmi era poco,
 se del idolo mio, se del mio bene
790non mi privavi ancor. Barbaro amore
 questo è troppo al mio sen fiero dolore.
 
    Stringer fra lacci un core,
 lontan dal caro bene
 sempre lasciarlo in pene
795è troppa crudeltà.
 
    Voi che provaste amore,
 se ancor pietà sentite,
 dite s'è pena e dite
 s'altra maggior si dà.