Farnace, Venezia, Rossetti, 1739

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA VII
 
 TAMIRI sola
 
 TAMIRI
 Dite che v'ho fatt'io, ditelo, o cieli!
 È delitto sì grande
 una giusta pietà che si punisca
 in sì barbare guise?
575Sol perché salvo un misero innocente
 dalla rabbia crudel del mio destino,
 già mi niega la madre
 il titolo di figlia,
 già mi toglie lo sposo
580il nome di consorte.
 Ah! In mezzo a tanti affanni,
 numi a voi per pietà chiedo la morte.
 
    La madre mi scaccia,
 lo sposo mi fugge,
585s'affanna, si strugge
 quest'alma fedele,
 destino crudele,
 che fiero rigor!
 
    Conviene ch'io taccia,
590ch'io soffra , ch'io pena
 ma l'alma è ripiena
 di doglia sì fiera
 che morte sol spera
 l'afflitto mio cor.