Il paese della cuccagna, Venezia, Fenzo, 1750

Vignetta Frontespizio
 SCENA XVI
 
 Madama LIBERA, POLLASTRINA, COMPAGNONE e PANDOLINO
 
 Pollastrina
 Caro marito mio,
815che avete mai che andate traballando?
 Pandolino
 Tacete; vi comando
 andar subito via.
 Fermati; vuo' che stiamo in allegria. (Prende una bottiglia e vuole che tutti bevano)
 
    Allegri, compagni,
820beviamo, godiamo
 del dolce licor.
 
 Pollastrina, madama Libera a due
 
    Non posso, non voglio,
 mi basta così.
 
 Compagnone
 
    Godiam, se volete,
825beviamo fin dì. (Beve con Pandolino)
 
 Pandolino
 
    Tenetemi, io casco. (Alle donne)
 Lasciate il mio fiasco, (A Compagnone)
 che bever io vuo'. (Beve)
 
 Pollastrina, madama Libera, Compagnone a tre
 
 Bevete, bon pro.
 
 Pandolino
 
830   Ragazze mie care
 venite con me.
 
 Compagnone
 
    Due donne per voi?
 Giustizia non è.
 
 Pollastrina, madama Libera a due
 
    Ognuno di voi
835proveda per sé.
 
 Pandolino
 
    Mia bella... non voglio. (Mostra voler Pollastrina poi la lascia)
 Mia cara... partite...
 Venite... Sentite...
 Gran caldo mi fa.
 
 Pollastrina, madama Libera, Compagnone a tre
 
840   Non può più star in piedi,
 in terra or ora va.
 
 Pandolino
 
    Vogliamo un po' ballare,
 vogliamo un po' cantar?
 
 Pollastrina, madama Libera, Compagnone a tre
 
    Andate a riposare,
845non state a delirar.
 
 Pandolino
 
    Vuo' stare in compagnia,
 vuo' stare in allegria;
 non me ne voglio andar.
 
 Pollastrina, madama Libera a due
 
    Tenetelo, tenetelo.
 
 Compagnone
 
850Andiamlo a coricar.
 
 Pandolino
 
    Vuo' star in compagnia.
 
 a quattro
 
 Evviva l'allegria
 che Bacco fa provar. (Portano via Pandolino che sempre più va traballando)
 
 Fine dell’atto secondo