L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA X
 
 AMINTA e detti
 
 Aminta
 Ah Licida...
 Clistene
                        T'accheta.
 Rispondi e non mentir. Questo monile
1410donde avesti?
 Aminta
                             Signor, da mano ignota
 già scorse il quinto lustro
 ch'io l'ebbi in don.
 Clistene
                                     Dov'eri allor?
 Aminta
                                                                Là dove
 in mar presso a Corinto
 sbocca il torbido Asopo.
 Alcandro
                                              (Ah ch'io rinvengo
1415delle note sembianze
 qualche traccia in quel volto. Io non m'inganno.
 Certo egli è desso). Ah d'un antico errore,
 mio re, son reo. Deh mel perdona. Io tutto
 fedelmente dirò.
 Clistene
                                  Sorgi, favella.
 Alcandro
1420Al mar, come imponesti,
 non esposi il bambin, pietà mi vinse.
 Costui straniero, ignoto
 mi venne innanzi e gliel donai, sperando
 che in rimote contrade
1425tratto l'avrebbe.
 Clistene
                                E quel fanciullo, Aminta,
 dov'è? Che ne facesti?
 Aminta
                                           Io... (Quale arcano
 ho da scoprir!)
 Clistene
                              Tu impallidisci? Parla,
 empio, di', che ne fu? Tacendo aggiungi
 all'antico delitto error novello.
 Aminta
1430L'hai presente, o signor, Licida è quello.
 Clistene
 Come! Non è di Creta
 Licida il prence?
 Aminta
                                  Il vero prence in fasce
 finì la vita. Io, ritornato appunto
 con lui bambino in Creta, al re dolente
1435l'offersi in dono; ei dell'estinto invece
 al trono l'educò per mio consiglio.
 Clistene
 Ah numi, ecco Filinto, ecco il mio figlio.
 Aristea
 Stelle!
 Licida
               Io tuo figlio?
 Clistene
                                         Sì. Tu mi nascesti
 gemello ad Aristea. Delfo m'impose
1440d'esporti al mar bambino, un parricida
 minacciandomi in te.
 Licida
                                          Comprendo adesso
 l'orror che mi gelò, quando la mano
 sollevai per ferirti.
 Clistene
                                     Adesso intendo
 l'eccessiva pietà che nel mirarti
1445mi sentivo nel cuor.
 Aminta
                                       Felice padre!
 Alcandro
 Oggi molti in un punto
 puoi render lieti.
 Clistene
                                  E lo desio. D'Argene
 Filinto il figlio mio,
 Megacle d'Aristea vorrei consorte
1450ma Filinto, il mio figlio, è reo di morte.
 Megacle
 Non è più reo quando è tuo figlio.
 Clistene
                                                               È forse
 la libertà de' falli
 permessa al sangue mio? Qui viene ogni altro
 a dimostrar valor; l'unico esempio
1455esser degg'io di debolezza? Ah questo
 di me non oda il mondo. Olà ministri,
 risvegliate su l'ara il sacro fuoco.
 Va' figlio e mori. Anch'io morrò fra poco.
 Aminta
 Che giustizia innumana!
 Alcandro
1460Che barbara virtù!
 Megacle
                                     Signor, t'arresta.
 Tu non puoi condannarlo. In Sicione
 sei re non in Olimpia. È scorso il giorno
 a cui tu presiedesti. Il reo dipende
 dal pubblico giudizio.
 Clistene
                                          E ben s'ascolti
1465dunque il pubblico voto. A pro del reo
 non prego, non comando e non consiglio.
 coro DI SACERDOTI E POPOLO
 
    Viva il figlio delinquente,
 perché in lui non sia punito
 l'innocente genitor.
 
1470   Né funesti il dì presente
 né disturbi il sacro rito
 un'idea di tanto orror.
 
 Fine del drama