L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA IX
 
 ARISTEA e detti
 
 Aristea
                                       Credimi, o padre,
1385è degna di pietà.
 Clistene
                                  Dunque volete
 ch'io mi riduca a delirar con voi?
 Parla. Ma siano brevi i detti tuoi.
 Argene
 Parlino queste gemme,
 io tacerò. Van di tai fregi adorne
1390in Elide le ninfe?
 Clistene
                                   Aimè. Che miro!
 Alcandro, riconosci
 questo monil?
 Alcandro
                             Se 'l riconosco? È quello
 che al collo avea, quando l'esposi all'onde,
 il tuo figlio bambin.
 Clistene
                                       Licida. (Oh dio!
1395Tremo da capo a piè). Licida sorgi,
 guarda; è ver che costei
 l'ebbe in dono da te?
 Licida
                                         Però non debbe
 morir per me. Fu la promessa occulta;
 non ebbe effetto e col solenne rito
1400l'imeneo non si strinse.
 Clistene
                                             Io chiedo solo
 se 'l dono è tuo.
 Licida
                               Sì.
 Clistene
                                       Da qual man ti venne?
 Licida
 A me donollo Aminta.
 Clistene
                                           E questo Aminta
 chi è?
 Licida
               Quello a cui diede
 il genitor degli anni miei la cura.
 Clistene
1405Dove sta?
 Licida
                     Meco venne,
 meco in Elide è giunto.
 Clistene
 Questo Aminta si cerchi.
 Argene
                                                Eccolo appunto.