Il mondo della luna, Venezia, Zatta, 1794

 SCENA VIII
 
 ECCLITICO e LISETTA condotta da due con gli occhi bendati
 
 LISETTA
 Dove mi conducete?
885Siete sbirri, sicari o ladri siete?
 ECCLITICO
 Levategli la benda,
 or che la fortunata
 a questo nostro mondo è già arrivata. (Gli levano la benda)
 LISETTA
 Ohimè, respiro un poco.
 ECCLITICO
890Bella ragazza, io gioco
 che dove adesso siate
 voi non v'immaginate.
 LISETTA
                                            E che volete,
 caro signor Ecclitico, ch'io sappia?
 Dormiva ancor nel letto
895allorché son venuti
 quei marioli cornuti;
 m'hanno bendati gli occhi,
 m'hanno condotta via
 e adesso non so dir dove mi sia.
 ECCLITICO
900Lisetta, avete avuta la fortuna
 d'esser passata al mondo della luna.
 LISETTA
 Ah ah, mi fate ridere,
 non sono una bambina
 da credere a sì fatte scioccherie.
 ECCLITICO
905Delle parole mie
 voi la prova vedrete
 quando sposa sarete
 del nostro imperatore
 che pel vostro bel viso arde d'amore.
 LISETTA
910La favola va lunga.
 Il padrone dov'è?
 ECCLITICO
                                   Morto si finse
 ma nel mondo lunare egli è passato
 e anch'io dopo di lui sono arrivato.
 LISETTA
 Caro signor lunatico,
915non mi fate adirar. Per qual cagione,
 ditemi, uscir di casa mi faceste?
 ECCLITICO
 Di casa uscir credeste
 ma dal balcon passata
 foste qui da una nuvola portata.
 LISETTA
920Orsù, tali pazzie soffrir non voglio.
 Vuo' saper dove tende quest'imbroglio.
 ECCLITICO
 Ecco il vostro padrone;
 dimandatelo a lui che lo saprà.
 Io vado a ritrovar sua maestà. (Parte)