L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA X
 
 LICIDA e detti
 
 Licida
                                                    Intese
 tutto Aristea?
 Megacle
                            Tutto. T'affretta, o prence,
830soccorri la tua sposa.
 Licida
                                        Aimè! Che miro!
 Che fu?
 Megacle
                  Doglia improvvisa
 le oppresse i sensi.
 Licida
                                     E tu mi lasci?
 Megacle
                                                                Io vado...
 Deh pensa ad Aristea. (Che dirà mai
 quando in sé tornerà? Tutte ho presenti,
835tutte le smanie sue). Licida, ah, senti.
 
    Se cerca, se dice:
 «L'amico dov'è?»
 «L'amico infelice»
 rispondi «morì».
 
840   Ah no, sì gran duolo
 non darle per me.
 Rispondi ma solo:
 «Piangendo partì».
 
    Che abisso di pene!
845Lasciare il suo bene!
 Lasciarlo per sempre!
 Lasciarlo così!